autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi (dipinto) by Solieri Giuseppe detto Fra' Stefano da Carpi (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800233930 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi
autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi (dipinto) di Solieri Giuseppe detto Fra' Stefano da Carpi (sec. XVIII) 
autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi (dipinto) by Solieri Giuseppe detto Fra' Stefano da Carpi (sec. XVIII) 
dipinto 
Ritratto a due terzi di figura. L'effigiato è rappresentato seduto, col torso ruotato per presentarsi in posizione frontale. La colorazione densa, chiaroscurata, quasi un monocromo giocato sui toni bruni. Indossa tonaca marrone da cappuccino ed ha la barba bianca. Sul tavolo sono libri, clessidra, foglio iscritto e tavolozza rossastra. Sul fondo scuro, in alto al centro, è una scritta gialla con il nome del frate, aggiunta in epoca più tarda. La cornice è antica, originale: in legno dorato a mecca, reca nel bordo piatto fregi incisi disposti agli angoli con motivo a nastri fogliati 
1787-1787 
0800233930 
dipinto 
00233930 
08 
0800233930 
Il ritratto fu richiesto con lettera del 1787 (v. Carteggio originale in Archivio Guaitoli 124/27) ai Cappuccini di Reggio dal Priore della Comunità di Carpi, Eustachio Cabassi, per porlo tra quelli dei carpigiani illustri della residenza municipale. Il dipinto è poi ricordato in un inventario del 1796 e citato successivamente da Brignoli/ Bonasi (ms.), Tirelli (ms. 1900), da Mareto (1951), Russo (1970 - 1971). Il dipinto è caratterizzato da una straordinaria freschezza pur essendo lavoro dell'età avanzata dell'artista e dimostra chiari influssi dell'arte di Giuseppe Maria Crespi nel naturalismo dell'insieme. Il restauro del 1976 è consistito nella foderatura, sostituzione del telaio, pulitura e cauto ritocco pittorico delle poche lacune 
autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi 
Ritratto a due terzi di figura. L'effigiato è rappresentato seduto, col torso ruotato per presentarsi in posizione frontale. La colorazione densa, chiaroscurata, quasi un monocromo giocato sui toni bruni. Indossa tonaca marrone da cappuccino ed ha la barba bianca. Sul tavolo sono libri, clessidra, foglio iscritto e tavolozza rossastra. Sul fondo scuro, in alto al centro, è una scritta gialla con il nome del frate, aggiunta in epoca più tarda. La cornice è antica, originale: in legno dorato a mecca, reca nel bordo piatto fregi incisi disposti agli angoli con motivo a nastri fogliati 
Carpi (MO) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
autoritratto di Giuseppe Barnaba Solieri detto Frà Stefano da Carpi 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Felice da Mareto - 1951 
bibliografia specifica: Mostra opere - 1976 
bibliografia specifica: Russo R - 1970-1971 
bibliografia specifica: Russo R - 1979 
bibliografia specifica: Tirelli E - 1927 
bibliografia specifica: Russo R./ Pirondini M - 1978 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here