Diomede seduto su un altare con il Palladio (gemma) - produzione romana (sec. I)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285309 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Diomede seduto su un altare con il Palladio
Diomede seduto su un altare con il Palladio (gemma) - produzione romana (sec. I) 
Diomede seduto su un altare con il Palladio (gemma) - produzione romana (sec. I) 
gemma 
Pasta vitrea verde, cabochon a superficie piatta. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 8C. Diomede nudo, con clamide, seduto su base decorata da un festone, nell'atto di rubare il Palladio con la mano s., mentre nella d. tiene un pugnale. Linea di base 
(?) 0-(?) 99 
0800285309 
gemma 
00285309 
08 
0800285309 
La raffigurazione del ratto del Palladio ad opera di Diomede, molto diffusa a partire dal 50 a.C., compare su un notevole numero di intagli e cammei (FURTWAENGLER 1900, tav. XLIX, 2, tav. L, 10; Tesoro di Lorenzo, p. 57, n. 26, fig. 19; VOLLENWEIDER 1966, tav. XLI, 1, tav. LXII; RICHTER Romans, II [Richter 1971], nn. 309, 310, 657, 664, 747-749). Vedi anche AGDS I (Muenchen), nn. 2711, 3219; AGDS II (Berlin), n. 474; AGDS III (Goettingen), n. 258; AGDS IV (Hannover), pp. 196-197, nn. 969-971. Il soggetto ha conosciuto una discreta fortuna anche in epoca moderna (MANDRIOLI BIZZARRI 1987, n. 326; REINACH 1895, tav. 137, n. 61; un elenco delle opere rinascimentali ispirate alla gemma, con tale soggetto, posseduta da Lorenzo il Magnifico in Tesoro di Lorenzo, p. 112, scheda 9) 
Diomede seduto su un altare con il Palladio 
Pasta vitrea verde, cabochon a superficie piatta. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 8C. Diomede nudo, con clamide, seduto su base decorata da un festone, nell'atto di rubare il Palladio con la mano s., mentre nella d. tiene un pugnale. Linea di base 
Modena (MO) 
propriet√† Stato 
Diomede seduto su un altare con il Palladio 
pasta vitrea/ stampo 
bibliografia specifica: Scalini M./ Giordani N - 2010 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here