Venere Vincitrice (gemma) - produzione romana, produzione italiana (secc. II/ III)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285552 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Venere Vincitrice
Venere Vincitrice (gemma) - produzione romana, produzione italiana (secc. II/ III) 
Venere Vincitrice (gemma) - produzione romana, produzione italiana (secc. II/ III) 
gemma 
Agata zonata marrone, beige e bianca. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 8. Figura femminile (?) (Venere Vincitrice?) vista di schiena, di tre quarti verso s., con la testa di profilo verso s.; la parte superiore del corpo è nuda, quella inferiore è avvolta da un mantello sotto i fianchi; le gambe sono incrociate, la d. rigida e la s. flessa; il gomito d. è appoggiato su una colonnina, mentre la mano d. regge una lunga asta obliqua, con la punta rivolta verso il basso; nella s. protesa tiene probabilmente un elmo crestato; davanti alle gambe, uno scudo ritto a terra di profilo. Linea di base 
(?) 100-(?) 299 
0800285552 
gemma 
00285552 
08 
0800285552 
Nonostante alcune incertezze relative all'identificazione del sesso del soggetto, dovute principalmente alla resa molto schematica dell'intaglio, è evidente la derivazione dallo schema iconografico tradizionale di Venere Vincitrice (Venus Victrix). Le varianti del tipo riguardano nella sostanza soprattutto la posizione dello scudo (che in alcuni casi può mancare), di fronte alla dea o appoggiato alla colonna, e la sostituzione dell'elmo e della lancia rispettivamente con un pomo ed un ramo di palma (quest'ultima versione, di gran lunga meno attestata). Per un inquadramento generale del tipo iconografico si rimanda a Sena Chiesa 1966, pp. 158-160. Per le attestazioni, cfr. ad es. Sena Chiesa 1966, pp. 160-163, tavv. XIII-XIV, n. 248 (onice, inizi I sec. d.C.), n. 249 (prasio), n. 250 (corniola), n. 251, n. 252 (corniola, fine I sec. d.C.?), n. 253 (agata, Officina dei Prasii), n. 254 (corniola, II sec. d.C.), n. 255 (corniola, Officina delle Linee Grosse, fine II sec. d.C.?), n. 256 (niccolo), n. 257 (corniola, fine I sec. a.C.), n. 258 (corniola, fine I sec. a.C.), n. 259 (pietra bruciata), n. 260 (plasma), n. 261, n. 262 (corniola, vicino alla maniera dell'Officina del Satiro, età augustea?), n. 263 (diaspro, stile vicino a quello dell'Officina del Satiro, età augustea?), n. 264 (corniola); AGDS I/3, Muenchen, tav. 307, nn. 3184-3185 (p. vitrea); AGDS III, Braunschweig, tav. 5, n. 30 (prasio, I-II sec. d.C.), nn. 31-33 (prasio, niccolo, corniola, II-III sec. d.C.); AGDS III, Goettingen, tavv. 33-34, n. 56 (p. vitrea, I sec. a.C.-I sec. d.C.), n. 57 (p. vitrea, I sec. d.C.), n. 58 (corniola, II sec. d.C.), nn. 59-62 (p. vitrea, I sec. d.C.), n. 63 (plasma, III sec. d.C.), n. 64 (p. vitrea, I sec. d.C.); AGDS IV, Hannover, tav. 103, n. 796 (p. vitrea, inizi I sec. d.C.), n. 797 (calcedonio, I sec. d.C.), n. 798 (diaspro marrone, I sec. d.C.); tav. 195, n. 1446 (corniola, II/III sec. d.C.); Maaskant-Kleibrink 1978, nn. 529-536 (Imperial Classicising Style); n. 595 (Imperial Classicising Style); nn. 678, 706, 788 (Imperial Small Grooves Style); n. 895 (Imperial Cap-with-Rim Style); n. 1108 (gemma magica); AG Wien II, tav. 66, nn. 1015-1016 (I-II sec. d.C.); tavv. 142-144, n. 1460 (corniola, II sec. d.C.), n. 1461 (plasma, II sec. d.C.), nn. 1462-1463 (corniola, prima metà II sec. d.C.), n. 1464 (plasma, secondo quarto II sec. d.C.), nn. 1465-1469 (plasma, II sec. d.C.), n. 1470 (niccolo, II sec. d.C.), n. 1471 (calcedonio, tardo II-III sec. d.C.), n. 1472 (pietra marrone-avorio, II/III sec. d.C.), n. 1473 (corniola, IV sec. d.C.), nn. 1474-1475 (plasma, IV sec. d.C.), n. 1476 (plasma, II sec. d.C.), n. 1477 (diaspro rosso, II/III sec. d.C.), n. 1478 (plasma, II/III sec. d.C.); AG Wien III, tavv. 227-228, n. 2801 (niccolo, II sec. d.C.), n. 2802 (ametista, II sec. d.C.), n. 2803 (niccolo, seconda metà II-prima metà III sec. d.C.), n. 2804 (vetro, II sec. d.C.), n. 2805 (corniola, II sec. d.C.), n. 2806 (corniola, I-II sec. d.C.), n. 2807 (niccolo, III sec. d.C.), n. 2808 (niccolo, II/III sec. d.C.), n. 2809 (niccolo, tardo II-III sec. d.C.); Dembski 2005, p. 76, tavv. 23-24, n. 233 (corniola, I sec. d.C.), n. 234 (corniola, II sec. d.C.), n. 235 (corniola, II/III sec. d.C.), n. 236 (onice, II/III sec. d.C.), n. 237 (diaspro arancio, II/III sec. d.C.), n. 238 (diaspro rosso, III sec. d.C.), n. 239 (corniola, II/III sec. d.C.), n. 240 (onice, I/II sec. d.C.) 
Venere Vincitrice 
Agata zonata marrone, beige e bianca. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 8. Figura femminile (?) (Venere Vincitrice?) vista di schiena, di tre quarti verso s., con la testa di profilo verso s.; la parte superiore del corpo è nuda, quella inferiore è avvolta da un mantello sotto i fianchi; le gambe sono incrociate, la d. rigida e la s. flessa; il gomito d. è appoggiato su una colonnina, mentre la mano d. regge una lunga asta obliqua, con la punta rivolta verso il basso; nella s. protesa tiene probabilmente un elmo crestato; davanti alle gambe, uno scudo ritto a terra di profilo. Linea di base 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Venere Vincitrice 
agata/ intaglio 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here