Muzio Scevola (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285555 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Muzio Scevola
Muzio Scevola (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
Muzio Scevola (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
gemma 
Corniola arancione e gialla. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Muzio Scevola stante frontale, con la testa rivolta verso s., il corpo nudo nella parte superiore e interamente coperto da un mantello nella parte inferiore, un lembo del quale, dopo essere passato sul davanti, all'altezza della vita, viene sollevato dalla mano d., portata all'altezza del volto, per ricadere nuovamente; il braccio d., abbassato, è tenuto tra le fiamme che salgono da un'ara cilindrica. Linea di base 
(?) 1500-(?) 1699 
0800285555 
gemma 
00285555 
08 
0800285555 
Secondo E. Zwierlein-Diehl a partire dal XVI, ma soprattutto nel XVII-XVIII secolo, si diffondono nel repertorio glittico nuovi tipi iconografici che non riprongono modelli antichi, ma illustrano piuttosto episodi noti dalla letteratura classica, come quello di Muzio Scevola, tramandato soprattutto da Livio (Zwierlein-Diehl E., Antike Gemmen und ihr Nachleben, Berlin 2007, p. 292). Per il motivo, cfr. AGDS I/3, Muenchen, tav. 255, n. 2728 (lapislazzuli, attribuito III/IV sec. d.C.); AGDS III, Goettingen, tav. 58, n. 348 (calcedonio, attribuito tardo III sec. d.C.); Mandrioli Bizzarri 1987, p. 147, n. 287 (eliotropio, attribuito III-IV sec. d.C. o XVII-XVIII secolo?). Tra le gemme della Galleria Estense di Modena esso è attestato altre sei volte: nn. 26 (00285276), 100 (= 00285350), 432 (= 00285682), 474 (= 00285724), 479 (= 00285729), 1051 (= 00286301). Sulla base delle considerazioni sopra esposte e delle caratteristiche stilistiche e della pietra si propone un'attribuzione all'età moderna 
Muzio Scevola 
Corniola arancione e gialla. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Muzio Scevola stante frontale, con la testa rivolta verso s., il corpo nudo nella parte superiore e interamente coperto da un mantello nella parte inferiore, un lembo del quale, dopo essere passato sul davanti, all'altezza della vita, viene sollevato dalla mano d., portata all'altezza del volto, per ricadere nuovamente; il braccio d., abbassato, è tenuto tra le fiamme che salgono da un'ara cilindrica. Linea di base 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Muzio Scevola 
corniola 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here