Capricorno con stella (gemma) - produzione romana (secc. II/ III)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285579 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Capricorno con stella
Capricorno con stella (gemma) - produzione romana (secc. II/ III) 
Capricorno con stella (gemma) - produzione romana (secc. II/ III) 
gemma 
Corniola arancione. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Capricorno di profilo verso s.; sopra, una stella. Intorno alla raffigurazione si sviluppa un'iscrizione, incisa alla rovescia 
(?) 100-(?) 299 
0800285579 
gemma 
00285579 
08 
0800285579 
L'incisione alla rovescia dell'iscrizione presuppone un utilizzo della gemma quale sigillo. Per quanto riguarda il motivo, il capricorno, da intendersi come simbolo della costellazione e del segno zodiacale omonimo, è molto frequente sulle gemme di epoca romana, anche in associazione con altri simboli, quali la cornucopia, il timone ed il globo, evocativi del felice governo del mondo da parte di Augusto, che sotto il segno del Capricorno fu concepito, o il tridente. Per la grande diffusione del motivo, cfr. Sena Chiesa 1966, pp. 376-378, tavv. LXII-LXIII, n. 1230 (p. vitrea, accostabile all'Officina della Fortuna, inizi I sec. d.C.), n. 1231 (diaspro rosso), n. 1232 (prasio), nn. 1233-1235 (corniola), n. 1236 (pietra marrone), n. 1237 (pietra bruciata, Officina delle Linee Grosse, II-III sec. d.C.), n. 1238 (diaspro rosso), nn. 1239-1241 (p. vitrea), nn. 1242-1243 (p. vitrea, inizi I sec. d.C.), n. 1244 (corniola); AG Wien I, tav. 89, n. 528 (niccolo, fine I a.C.-inizi I sec. d.C.), n. 529 (corniola, I sec. d.C.), n. 530 (corniola, ultimo quarto I sec. d.C.); AGDS I/3, Muenchen, tav. 211, n. 2356 (onice, I sec. d.C.); tav. 256, n. 2733 (corniola bruciata, I/II sec. d.C.), n. 2734 (corniola, II-IV sec. d.C.), n. 2735 (diaspro verde, I/II sec. d.C.); tav. 318, n. 3353 (p. vitrea); tav. 320, nn. 3379-3380 (p. vitrea); AGDS III, Braunschweig, tav. 22, n. 180 (niccolo, II-III sec. d.C.), n. 181 (calcedonio, II sec. d.C.); AGDS III, Goettingen, tav. 80, n. 597 (p. vitrea, inizi I sec. d.C.), n. 598 (p. vitrea, I sec. d.C.); AGDS IV, Hannover, tav. 154, nn. 1141-1142 (corniola, seconda metà I sec. a.C.-prima metà I sec. d.C.), n. 1143 (corniola, fine I sec. a.C.-prima metà I sec. d.C.), n. 1144 (corniola, I sec. d.C.), n. 1145 (p. vitrea, fine I sec. a.C.-prima metà I sec. d.C.); tavv. 181-182, nn. 1321-1322 (corniola, fine I sec. a.C.-I sec. d.C.); tav. 216, n. 1624 (niccolo, II sec. d.C.), n. 1625 (onice, II/III sec. d.C.), n. 1626 (diaspro rosso, II/III sec. d.C.); Maaskant-Kleibrink 1978, p. 20, n. 91 (calcedonio, A Globolo-like Style, II sec. a.C.); pp. 130-131, n. 181 (corniola, Blob Style, I sec. a.C.); p. 229, n. 567 (agata, Classicising Style, I sec. a.C.); p. 230, n. 570 (sarda, Classicising Style, I-II sec. d.C.); p. 241, n. 622 (niccolo, Classicising Style, I-II sec. d.C.); p. 245, n. 642 (corniola, Classicising Style, I sec. d.C.); p. 261, n. 696 (corniola, Related to Small Grooves Style, I-II sec. d.C.); p. 318, n. 954 (diaspro rosso, Plain Grooves Style, II-III sec. d.C.); p. 335, n. 1026 (diaspro giallo, Incoherent Grooves Style, II-III sec. d.C.); AG Wien II, tav. 37, n. 811 (ca. 44-25 a.C.); tav. 61, n. 992 (II sec. d.C.); D'Agostini 1984, pp. 44-45, nn. 71-72 (diaspro rosso, II sec. d.C.); Mandrioli Bizzarri 1987, p. 63, n. 62 (corniola gialla, fine I a.C.-inizi I sec. d.C.), n. 63 (sarda, fine I a.C.-inizi I sec. d.C.); p. 119, n. 237 (corniola, II/III sec. d.C.); AG Wien III, tav. 27, n. 1763 (onice, I/II sec. d.C.), n. 1764 (corniola, I/II sec. d.C.), n. 1765 (onice, II sec. d.C.), n. 1766 (corniola, II sec. d.C.), n. 1767 (niccolo, III sec. d.C.), n. 1768 (corniola, III sec. d.C.), n. 1769 (corniola, II/III sec. d.C.); Dembski 2005, pp. 150-151, tavv. 100-101, n. 988 (diaspro rosso, II sec. d.C.), n. 989 (corniola, II/III sec. d.C.), n. 990 (corniola, III sec. d.C.), n. 991 (diaspro arancio, II/III sec. d.C.), n. 992 (corniola, III sec. d.C.), n. 993 (onice, II/III sec. d.C.), n. 994 (corniola, II sec. d.C.), n. 995 (crisoprasio, II sec. d.C.), n. 996 (calcedonio, III sec. d.C.), n. 997 (corniola, II/III sec. d.C.), n. 998 (corniola, II/III sec. d.C.) 
Capricorno con stella 
Corniola arancione. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Capricorno di profilo verso s.; sopra, una stella. Intorno alla raffigurazione si sviluppa un'iscrizione, incisa alla rovescia 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Capricorno con stella 
corniola 
bibliografia specifica: Scalini M./ Giordani N - 2010 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here