Methe (?) (gemma) - produzione romana (metà/ metà secc. I a.C./ I)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285593 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Methe (?)
Methe (?) (gemma) - produzione romana (metà/ metà secc. I a.C./ I) 
Methe (?) (gemma) - produzione romana (metà/ metà secc. I a.C./ I) 
gemma 
Sardonice zonata marrone e bianca. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Figura femminile stante di tre quarti verso d. (con il busto ruotato verso d.), nuda ad eccezione di un mantello che scende dietro la schiena (Methe?); i capelli sono raccolti in un rotolo intorno al volto e dietro la nuca; le gambe sono incrociate, con quella s., flessa, passante dietro quella d., d'appoggio; l'anca s. è fortemente ruotata in fuori; entrambe le braccia sono flesse al gomito e piegate verso l'alto, con le mani poste all'altezza del volto. Breve linea di base 
(?) 49 a.C-(?) 49 
0800285593 
gemma 
00285593 
08 
0800285593 
Per l'impostazione generale della figura, il soggetto è probabilmente da identificare con Methe, anche se manca il particolare della coppa portata alle labbra (accennata però dalla posizione delle mani, portate davanti al volto). Per quanto riguarda il tipo iconografico di Methe, estremamente standardizzato e probabilmente derivato dal dipinto di Pausias nella Tholos di Epidauro (IV sec. a.C.), cfr. Sena Chiesa 1966, pp. 201-202, tav. XXIII, n. 450 (niccolo, I sec. d.C.), n. 451 (diaspro verde), n. 452 (prasio), n. 453 (niccolo), n. 454 (corniola, fine I sec. d.C., Officina di Methe), n. 455 (niccolo), n. 456 (ametista), n. 457 (niccolo), n. 458 (p. vitrea, ante fine I sec. a.C.); AGDS III, Goettingen, tavv. 45-46, nn. 202-203 (p. vitrea verde, II sec. d.C.); AGDS IV, tav. 115, nn. 886-888 (prasio, I sec. d.C.); tav. 199, n. 1486 (corniola, II/III sec. d.C.); (Maaskant-Kleibrink 1978, n. 449 (Imperial Classicising Style); n. 546 (Imperial Classicising Style); n. 604 (Imperial Classicising Style); n. 889 (Imperial Cap-with-Rim Style); AG Wien II, tav. 14, n. 653 (secondo-terzo quarto I sec. a.C.); tav. 68, n. 1022 (I sec. d.C.), n. 1023 (I-II sec. d.C.); tav. 160, n. 1595 (plasma, II sec. d.C.), n. 1596 (plasma, III sec. d.C.), n. 1597 (plasma, III sec. d.C.); Mandrioli Bizzarri 1987, p. 93, n. 152 (plasma, II sec. d.C.); AG Wien III, tav. 231, n. 2832 (niccolo, II sec. d.C.); Dembski 2005, p. 102, tav. 49, n. 503 (onice, I sec. d.C.), n. 504 (chiroprasio, II sec. d.C.), n. 505 (sardonice, II sec. d.C.), n. 506 (eliotropio, II/III sec. d.C.), n. 507 (corniola, III sec. d.C.) 
Methe (?) 
Sardonice zonata marrone e bianca. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 4. Figura femminile stante di tre quarti verso d. (con il busto ruotato verso d.), nuda ad eccezione di un mantello che scende dietro la schiena (Methe?); i capelli sono raccolti in un rotolo intorno al volto e dietro la nuca; le gambe sono incrociate, con quella s., flessa, passante dietro quella d., d'appoggio; l'anca s. è fortemente ruotata in fuori; entrambe le braccia sono flesse al gomito e piegate verso l'alto, con le mani poste all'altezza del volto. Breve linea di base 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Methe (?) 
sardonice/ intaglio 
bibliografia specifica: Scalini M./ Giordani N - 2010 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here