Diomede e il Palladio (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800285659 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma Diomede e il Palladio
Diomede e il Palladio (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
Diomede e il Palladio (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
gemma 
Diaspro verde con chiazze di colore rosso-bruno (diaspro sanguigno o eliotropio). Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 11. Diomede (?), nudo, seduto di tre quarti verso d. su un altare, con il Palladio sulla mano s. tesa in avanti, il gladio nella mano d. dietro il corpo, la gamba d. protesa in avanti, la s. flessa, con il piede appoggiato alla base dell'altare; davanti a lui, una bassa asta verticale sormontata da un elemento a stella (?). Linea di base 
ca 1500-ca 1649 
0800285659 
gemma 
00285659 
08 
0800285659 
La raffigurazione sembra riprendere, variandola, l'iconografia classica di Diomede, seduto su un altare, con il Palladio nella mano s. tesa, il gladio nella mano d., un piede appoggiato all'altare, nudo, ad eccezione della clamide che copre spalla e braccio, davanti al quale è posta una colonnetta sormontata da una piccola statua maschile ed ai suoi piedi un cadavare, la parte inferiore del quale nascosta dietro l'altare (la colonnetta ed il cadavere possono spesso mancare). Per una rassegna completa dell'iconografia del ratto di Palladio sulle gemme, si veda Moret J.-M., Les pierres gravées antiques représentant le rapt du Palladion, 2 voll. (texte e planches), Mainz 1997. L'identificazione del soggetto non può però dirsi sicura a causa dell'estrema schematicità dell'intaglio. Dal punto di vista stilistico ed iconografico la gemma della Galleria Estense di Modena può essere avvicinata ad AG Wien III, tav. 177, n. 2540/10 (corniola, XVI-prima metà XVII secolo) e tav. 178, n. 2540/24 (corniola, XVI-prima metà XVII secolo: Marte); essa può però trovare cfr. anche nell'ambito di una serie di gemme, sempre del Kunsthistorisches Museum di Vienna, facenti parte di una produzione standardizzata e di largo consumo ("Massenware") in lapislazzuli, databile anch'essa tra il XVI e la metà del XVII secolo (AG Wien III, tavv. 204-205, nn. 2649-2666, in ptc. nn. 2650-2654: Marte offerente). Gli esemplari in questione sono confluiti nelle raccolte del Kunsthistorisches Museum di Vienna dalla Collezione Este 
Diomede e il Palladio 
Diaspro verde con chiazze di colore rosso-bruno (diaspro sanguigno o eliotropio). Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 11. Diomede (?), nudo, seduto di tre quarti verso d. su un altare, con il Palladio sulla mano s. tesa in avanti, il gladio nella mano d. dietro il corpo, la gamba d. protesa in avanti, la s. flessa, con il piede appoggiato alla base dell'altare; davanti a lui, una bassa asta verticale sormontata da un elemento a stella (?). Linea di base 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Diomede e il Palladio 
diaspro verde/ intaglio 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here