simbolo (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800286207 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma simbolo
simbolo (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
simbolo (gemma) - produzione italiana (secc. XVI/ XVII) 
gemma 
Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 3. Dextrarum iunctio; tra le mani congiunte sbucano due foglie di palma (?) 
(?) 1500-(?) 1699 
0800286207 
gemma 
00286207 
08 
0800286207 
Il motivo delle due mani destre intrecciate (dextrarum iunctio), sotto e/o davanti ad elementi vegetali (spighe di grano, rami di palma o frutti di papavero) e, più raramente, di altra natura (ad es. cornucopia, kantharos, ecc.), appare molto diffuso nella glittica di età romana, non solo come simbolo nuziale, ma anche, più in generale, come simbolo di buon augurio, unione e fedeltà, anche ai patti di natura politica e militare. Per il motivo in generale, cfr. Sena Chiesa 1966, pp. 412-413, tav. LXXV, n. 1490 (diaspro, fine I, II sec. d.C.: con fiori e rami fogliati), n. 1491 (corniola: con due spighe di grano), n. 1492 (corniola: con due spighe di grano e un fiore di papavero), n. 1493 (con due spighe di grano e due quadrupedi ritti); AGDS III, Kassel, tav. 96, n. 92 (con due fiori di papavero e una spiga di grano); Maaskant-Kleibrink 1978, p. 205, n. 463 (p. vitrea gialla, Imperial Classicising Style, 50 a.C.-50 d.C.: con due spighe di grano e fiore di papavero); p. 205, n. 464 (p. vitrea nera, Imperial Classicising Style, 50 a.C.-50 d.C.: con spighe di grano e cornucopie); pp. 335-336, n. 1027 (diaspro rosso, Imperial Incoherent Grooves Style: con due spighe di grano); Mandrioli Bizzarri 1987, p. 121, n. 243 (diaspro rosso, fine II sec. d.C.: con due spighe di grano e un kantharos); AG Wien III, tavv. 65-66, n. 2038 (granato, I sec. d.C.: con due spighe di grano), n. 2039 (corniola, I/II sec. d.C.: con due spighe di grano e tre fiori di papavero), n. 2040 (diaspro marrone, II sec. d.C.: con due spighe di grano e due fiori di papavero), n. 2041 (I-II sec. d.C.: con due spighe di grano e un fiore di papavero), n. 2042-2043 (niccolo, II sec. d.C.), n. 2044 (niccolo, seconda metà II-III sec. d.C.: con due spighe di grano e un fiore di papavero); Dembski 2005, p. 152, tavv. 102-103, n. 1007 (sardonice, II/III sec. d.C.: con due spighe di grano e un fiore di papavero), n. 1007a (corniola, II sec. d.C.: con due spighe di grano), n. 1009 (diaspro rosso, II/III sec. d.C.: con due spighe di grano e un fiore di papavero), n. 1010 (corniola, III sec. d.C.: con due spighe di grano), n. 1011 (diaspro verde, III sec. d.C.: con due spighe di grano e fiore di papavero), n. 1012 (corniola, II/III sec. d.C.: c.s.), n. 1013 (corniola bruciata, III sec. d.C.), n. 1014 (diaspro rosso, II/III sec. d.C.: con due spighe di grano, due fiori di papavero e due cornucopie), n. 1015 (diaspro verde, II/III sec. d.C.: con 4 spighe di grano e 3 fiori di papavero); p. 152, tav. 134, n. 1007N (corniola, I/II sec. d.C.: c.s.). Per gli aspetti stilistici ed iconografici (ad es. la presenza del cuore trafitto) si ipotizza per la gemma della Galleria Estense di Modena una fabbricazione in età moderna 
simbolo 
Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 3. Dextrarum iunctio; tra le mani congiunte sbucano due foglie di palma (?) 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
simbolo 
lapislazzulo/ intaglio 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here