cane (gemma) - produzione romana (secc. II a.C./ I a.C)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800286225 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

gemma cane
cane (gemma) - produzione romana (secc. II a.C./ I a.C) 
cane (gemma) - produzione romana (secc. II a.C./ I a.C) 
gemma 
Calcedonio biancastro. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 2. Cane in atto di saltare verso s., zampe posteriori a terra, zampe anteriori alzate, muso rivolto verso l'alto, schiena inarcata, coda abbassata. Linea di base 
ca 120 a.C-ca 80 a.C 
0800286225 
gemma 
00286225 
08 
0800286225 
Intaglio realizzato in stile globulare. Questa gemma trova confronto, non puntuale, con un esemplare del Museo Civico Archeologico di Bologna (Mandrioli Bizzarri 1987, p. 48, n. 21). Il cane, variamente atteggiato (in corsa, in atto di balzare in avanti, in punta, in ferma o giacente), compare abbastanza frequentemente come soggetto esclusivo nel repertorio glittico di età romana: cfr.ad es. in generale Sena Chiesa 1966, tav. LV, nn. 1079-1089; AGDS I/3, Muenchen, tav. 198, nn. 2257-2258; tav. 219, nn. 2422-2423; AGDS IV, Hannover, tav. 37, n. 221; tav. 89, nn. 690-692; tavv. 164-165, nn. 1214-1220; AG Wien I, tav. 18, n. 96; tav. 24, n. 132; tav. 25, nn. 135-137; Maaskant-Kleibrink 1978, p. 122, n. 151; p. 313, n. 926; AG Wien II, tav. 47, n. 891; tav. 94, nn. 1145-1146; D'Agostini 1984, p. 24, n. 13; Mandrioli Bizzarri 1987, p. 63, n. 61; p. 117, n. 228; AG Wien III, tav. 45, nn. 1893-1901; Dembski 2005, p. 131, tavv. 79-80, nn. 784-787. Tra queste, possono essere maggiormente avvicinati al soggetto della gemma della Galleria Estense soprattutto: Sena Chiesa 1966, tav. LV, 1089 (p. vitrea: cane da caccia in ferma); AGDS I/3, Muenchen, tav. 219, n. 2422 (corniola, I sec. a.C.-I sec. d.C.: levriero con collare avanzante con muso abbassato); AGDS IV, Hannover, tav. 164, n. 1214 (corniola, I sec. d.C.: cane da caccia con muso proteso); AG Wien II, tav. 94, n. 1146 (granato, I sec. a.C.-I sec. d.C.: levriero in atto di attaccare); AG Wien III, tav. 45, n. 1893 (diaspro rosso, II sec. d.C.: cane da caccia con collare, con una zampa sollevata) 
cane 
Calcedonio biancastro. Forma ellittica; Zwierlein-Diehl 2. Cane in atto di saltare verso s., zampe posteriori a terra, zampe anteriori alzate, muso rivolto verso l'alto, schiena inarcata, coda abbassata. Linea di base 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
cane 
calcedonio/ intaglio 
bibliografia specifica: Scalini M./ Giordani N - 2010 
bibliografia di confronto: Mandrioli Bizzarri A. R - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here