Dio Padre circondato da cherubini, Dio Padre e cherubini (disegno) - ambito bolognese (prima metà sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800437233 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

disegno Dio Padre e cherubini
Dio Padre circondato da cherubini, Dio Padre e cherubini (disegno) - ambito bolognese (prima metà sec. XVII) 
Dio Padre circondato da cherubini, Dio Padre e cherubini (disegno) - ambito bolognese (prima metà sec. XVII) 
Dio Padre circondato da cherubini, Dio Padre e cherubini (disegno) 
Dio Padre in alto al centro circondato da angeli e cherubini, tra le nubi. Asinistra su angeli sembra tenere un lembo del manto che è sulle spalle del Padre. In basso sembra di intuire alcuni edifici antichi e templi e diverse figure. Sulla destra un uomo ammantato sembra indicare con la mano verso lo spettatore 
post 1600-ante 1649 
0800437233 
disegno 
00437233 
08 
0800437233 
Documentazione archivio ufficio catalogo (scheda non firmata ne datata). "Il disegno pressochè illeggibile, era già stato assegnato dubitativamente ad un pittore di scuola romana. Presenta la tecnica di pennellatura piena degli effetti tipici dello stile di Elisabetta Sirani, già celebre ai suoi tempi e che morì, probabilmente suicida, a soli 27 anni. I numerosi disegni noti della pittrice confermano l'informazione trasmessa dal suo ammiratore, il canonico Carlo Cesare Malvasia circa l'abilità inventiva, la particolare tecnica adottata e la rapidità d'esecuzione nel disegnare della giovane pittrice: "Io posso ben dire per verità, essendomi trovato presente più volte, che venutole qualche commissione di quadro, presa ben presto la matita, e giù postone speditamente in duo segni su carta bianca il pensiero (era questo il suo solito modo di disegnare da gran maestro appunto, e da pochi praticata, ne meno dal Padre istesso, che non me ne lascirà mentire) intinto picciol pennello in acquerella d'inchiostro, ne faceva apparire ben presto la spiritosa invenzione, che si poteva dire senza segni disegnata, ombrata ed insieme lumeggiata tutto in un tempo" ('Felsina Pittrice', 1678, ed. 1841, II, p. 402). Non mancano infatti nella ricca produzione grafica della pittrice bolognese, figlia e allieva del meno noto Giovanni Andrea Sirani, a sua volta operoso nella bottega del Reni, esempi di disegni stesi con rapidi e sicuri tratti di pennello e acquerellati in vaste campiture, con una tecnica assolutamente originale. Allieva del padre che le inculcò l'ammirazione per Guido Reni, esordì alla pittura giovanissima acquistando ben presto una grande fama, dovuta non solo all'eccezionalità della sua condizione di donna dedita a un mestiere ritenuto prerogativa maschile ma anche alle effettive qualità delle sue doti pittoriche. Le fu accanto insieme al padre anche il canonico Malvasia, che in lei vedeva rivivere il genio di Guido. Dopo alcuni dipinti per le chiese di Bologna e del contado affronta l'enorme impegno del quadrone alla Certosa (1658): ma è nella produzione di dipinti 'da stanza' che diviene ben presto contesa dalla nobiltà bolognese". Il disegno è a penna, inchiostro bruno e nero, rialzi di biacca, tocchi di matita nera su carta verde-azzurra scolorita. Data la cattiva conservazione del disegno e la quasi impossibilità di poterlo interpretare, riporterei l'attribuzione ad un'area bolognese; al momento non ci sono elementi per poter affermare che si tratta di un disegno di Elisabetta Sirani 
Dio Padre e cherubini 
Dio Padre circondato da cherubini 
Dio Padre in alto al centro circondato da angeli e cherubini, tra le nubi. Asinistra su angeli sembra tenere un lembo del manto che è sulle spalle del Padre. In basso sembra di intuire alcuni edifici antichi e templi e diverse figure. Sulla destra un uomo ammantato sembra indicare con la mano verso lo spettatore 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Dio Padre e cherubini, Dio Padre circondato da cherubini 
carta colorata/ penna/ acquerellatura/ matita 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here