Ultima Cena, ultima cena (disegno) by Caula Sigismondo (fine sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800437344 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

disegno ultima cena
Ultima Cena, ultima cena (disegno) by Caula Sigismondo (fine sec. XVII) 
Ultima Cena, ultima cena (disegno) di Caula Sigismondo (fine sec. XVII) 
Ultima Cena, ultima cena (disegno) 
Nella lunetta sormontata ai lati da due angeli seduti, viene descritto l'episodio dell'Ultima Cena. Sullo sfondo vi sono delle alte colonne e a destra una scala da cui sta scendendo un servitore con un piatto. Attorno ad un tavolo tondo siedono i dodici apostoli con al centro Gesù. Sotto un gatto e cane che sbuca dalla tovaglia 
post 1699-ante 1699 
0800437344 
disegno 
00437344 
08 
0800437344 
Documentazione archivio ufficio catalogo (scheda non firmata ne data). "Il foglio, che negli inventari della Galleria Estense era tradizionalmente attribuito a Tintoretto, è stato restituito a Sigismondo Caula dalla Lugli (1987; 1989). Il Caula, comprimario dello Stringa nel ruolo di pittore di corte presso la corte estense, è autore di affreschi e decorazioni per chiese e confraternite della città ducale; si educa nel cantiere tenuto da Jean Boulanger nella Delizia di Sassuolo e sceglie poi di completare la sua formazione recandosi a Venezia (intorno al 1667-70), rivolgendo l'attenzione ai pittori contemporanei (ad esempio Zanchi), ma soprattutto a quelli del secolo precedente, in particolare Veronese e Tintoretto; questa predilezione pare rispecchiare una tendenza del gusto collezionistico di corte (grazie ad Alfonso IV e al suo consigliere Marco Boschini) verso la pittura veneta (Lugli 1989). il foglio in esame e la 'Resurrezione del figlio della vedova di Naim (inv. 1014) della stessa Galleria s'inseriscono in una serie di disegni di soggetto evangelico, impostati in maniera analoga, ai quali si sommano altre prove rese note dalla Lugli (A. Lugli, 'Erudizione e pittura alla corte estense: il caso di Sigismondo Caula (1637-1724)', in 'Prospettiva, 21, aprile 1980, pp. 57-74), quali 'La guarigione del cieco nato' (Stuttgart Staatgalerie, Woonig-Fachsenfeld coll.), 'Il Miracolo del fico infruttifero' e la 'Moltiplicazione dei pani' (Coll. privata). E' evidente che i progetti elaborati secondo il linguaggio grafico scorrevole e sommario, sono stati eseguiti per un ciclo decorativo ad affresco (perduto), per il quale la Lugli (1989) ha avanzato due possibili ipotesi, che fossero gli scomparsi affreschi per il Chiostro di S. Francesco a Modena ricostruito a partire dal 1699 o della decorazione della perduta facciata di Sant'Erasmo, terminata nel 1702 e condotta a termine da Giuseppe Dallamano, anche se le forme a lunetta lascia intendere una destinazione per il chiostro francescano". Il disegno è a inchiostro a pennello grigio, rialzi di biacca, carconcino su carta grigia; è formato da due fogli di carta diversi incollati fra loro 
ultima cena 
Ultima Cena 
Nella lunetta sormontata ai lati da due angeli seduti, viene descritto l'episodio dell'Ultima Cena. Sullo sfondo vi sono delle alte colonne e a destra una scala da cui sta scendendo un servitore con un piatto. Attorno ad un tavolo tondo siedono i dodici apostoli con al centro Gesù. Sotto un gatto e cane che sbuca dalla tovaglia 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
ultima cena, Ultima Cena 
carta colorata/ inchiostro a pennello/ carboncino 
bibliografia specifica: Adalgisa Lugli - 1980 
bibliografia specifica: Adalgisa Lugli - 1989 
bibliografia specifica: Massimo Pirondini - 1982 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here