Ritratto di Alfonso Campi (dipinto) by Manzini Luigi (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800438704 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto Ritratto di Alfonso Campi
Ritratto di Alfonso Campi (dipinto) di Manzini Luigi (sec. XIX) 
Ritratto di Alfonso Campi (dipinto) by Manzini Luigi (sec. XIX) 
dipinto 
Ritratto di uomo a mezza figura seduto su una sedia accanto ad un tavolo. Indossa un abito a redingote nera con camicia bianca e fiocco al collo. Nella mano sinistra regge un quadretto incorniciato raffigurante due personaggi, Gesù Bambino e San Giuseppe con in mano un giglio (disegno da prototipo reniano); nella mano destra tiene un pennello. Poggia il braccio destro su un tavolo posto a fianco, su cui sono posti dei fogli, la coccarda del collegio e dietro alcuni libri. Sullo sfondo una tenda chiara a sinistra, mentre a destra un muretto con colonna e una apertura lascia intravedere un cielo con nuvole rosa (tramonto?). La cornice ha un motivo di foglie d'acanto intagliate in aggetto, è in legno intagliato e dorato 
post 1856-post 1856 
0800438704 
dipinto 
00438704 
08 
0800438704 
Nato a Modena dal nobiluomo Alessandro e dalla contessa Maria Manzoli del Monte, Alfonso Campi entrò al S. Carlo nel 1846. Successivamente vi entrerà anche il fratello minore Giovanni. Nel 1856 il giovane Alfonso fu nominato Principe di Belle Arti nelle accademie interne al collegio. Non si conosce l'autore del ritratto, assegnabile comunque ad un autore da individuare nella cerchia degli artisti vicini al Collegio o addirittura docenti nell'Accademia interna. Il quadro è adattato alla cornice che risale all'inizio del Settecento ed è di dimensioni leggermente più grandi 
Ritratto di Alfonso Campi 
61B2 (ALFONSO CAMPI) 
Ritratto di uomo a mezza figura seduto su una sedia accanto ad un tavolo. Indossa un abito a redingote nera con camicia bianca e fiocco al collo. Nella mano sinistra regge un quadretto incorniciato raffigurante due personaggi, Gesù Bambino e San Giuseppe con in mano un giglio (disegno da prototipo reniano); nella mano destra tiene un pennello. Poggia il braccio destro su un tavolo posto a fianco, su cui sono posti dei fogli, la coccarda del collegio e dietro alcuni libri. Sullo sfondo una tenda chiara a sinistra, mentre a destra un muretto con colonna e una apertura lascia intravedere un cielo con nuvole rosa (tramonto?). La cornice ha un motivo di foglie d'acanto intagliate in aggetto, è in legno intagliato e dorato 
Modena (MO) 
proprietà privata 
Ritratto di Alfonso Campi 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Benati D. /Peruzzi L - 1991 
bibliografia specifica: Collegio San Carlo - 1876 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here