Ritratto di Luigi Giacobazzi (dipinto) by Manzini Luigi (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800438741 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto Ritratto di Luigi Giacobazzi
Ritratto di Luigi Giacobazzi (dipinto) di Manzini Luigi (sec. XIX) 
Ritratto di Luigi Giacobazzi (dipinto) by Manzini Luigi (sec. XIX) 
dipinto 
Ritratto a tre quarti in veste diplomatica, calzoni bianchi e giacca blu, con medaglie appuntate. Siede in una poltrona rossa, a un tavolo con panno rosso, con materiale per scrittura; sul fondo una colonna con tendaggi. Entro cornice in legno dorato decorato a fregio 
1852-1852 
0800438741 
dipinto 
00438741 
08 
0800438741 
Figlio del conte Onorio del fu Domenico Maria Giacobazzi e della contessa Elisabetta del fu Filippo del Medico di Carrara, Luigi nacque a Modena 24 febbraio 1806. Entrò al Collegio S. Carlo nel 1814 e ne uscì nell'ottobre del 1823 per entrare nell'accademia militare estense. Come specificato nella lettera che Giacobazzi tiene in mano nel secondo ritratto, che lo vede già adulto, il conte divenne consigliere di Stato, podestà di Sassuolo, governatore di Massa e poi Ministro dell’interno per il duca Francesco V d’Austria-Este, ciambellano e guardia nobile d’onore emerita di Sua Altezza Reale, nonché cavaliere di prima classe dell’ordine ducale parmense e commendatore dell’ordine costantiniano di S. Giorgio: appartenenza, quest’ultima, segnalata vistosamente dalla croce appesa al fiocco azzurro che circonda lo jabot mentre una seconda croce è appuntata sulla giacca. Questo ritratto, secondo la scritta apposta dal pittore Luigi Manzini su uno dei fogli appoggiati al tavolo, fu commissionato dal rettore Luigi Spallanzani nel 1852 per onorare la figura dell’ex alunno. I Giacobazzi, proprietari dell’omonima villa a Sassuolo, solo dopo i moti del 1831 si trasferirono nel palazzo di via Ganaceto a Modena ma non abbandonarono la villa di Sassuolo, divenuta residenza estiva. Si devono a Luigi le commissioni per la decorazione dell’altana della villa, dipinta “a paese” dal pittore locale Antonio Valentini, con la collaborazione di Giovanni Braglia, nel 1857. Il ritratto è firmato dal pittore Luigi Manzini, già allievo di Malatesta e legato al più anziano pittore per tutta la vita e la carriera artistica, benché le scelte di Manzini si siano sempre attestate su un conservatorismo talvolta neo-seicentesco estraneo alle scelte più libere del Malatesta. Manzini lavorò anche in altre occasioni per il Collegio, ancora una volta legato alla presenza di Adeodato Malatesta, ma lavorò anche per gli Estensi come ritrattista e come pittore di apparati effimeri, nonché per numerose chiese. Di Luigi Giacobazzi si conserva un altro ritratto, da giovane, probabilmente opera di Luigi Girotti 
Ritratto di Luigi Giacobazzi 
61B2(LUIGI GIACOBAZZI) 
Ritratto a tre quarti in veste diplomatica, calzoni bianchi e giacca blu, con medaglie appuntate. Siede in una poltrona rossa, a un tavolo con panno rosso, con materiale per scrittura; sul fondo una colonna con tendaggi. Entro cornice in legno dorato decorato a fregio 
Modena (MO) 
proprietà privata 
Ritratto di Luigi Giacobazzi 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Benati D. /Peruzzi L - 1991 
bibliografia specifica: Collegio San Carlo - 1876 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here