turibolo by Sanini Gaetano (secondo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800445512 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

turibolo by Sanini Gaetano (secondo quarto sec. XIX) 
turibolo di Sanini Gaetano (secondo quarto sec. XIX) 
1825-1849 
Piede circolare con alto gradino liscio e giro di foglie di quercia; coppa ornata inferiormente da foglie lanceolate e sull'alta fascia brunita da specchiature recanti trofei vegetali; su tale fascia sono applicati gli elementi d'innesto delle catenelle di sospensione, costituiti da nastri ansati desinenti in foglie; coperchio svasato e lavorato a traforo con un giro di semicerchi includenti corolle alternati a foglie, al quale si sovrappone un partito ad ovati accoppiati alternati a rami di foglie; sul cupolino e sul piattello di raccordo delle catene ancora ornati a foglie 
turibolo 
00445512 
08 
0800445512 
L'oggetto propone le tipiche scelte decorative del Sanini, cui appartiene il punzone letterale con insegna figurata apposto sul piede: ricorre infatti il consueto repertorio classicheggiante dell'argentiere in cui gli ornati vegetali e non si combinano in soluzioni originali, che paiono preludere al gusto meno rigoroso del pieno Ottocento. Non molto dissimili a questo sono una coppia di turiboli del 1844 attribuibili al Sanini, conservati presso la chiesa di S. Maria della Steccata (cfr, Cattani, 1991), e un terzo punzonato nella Parrocchiale di Marra nel Cornigliese (cfr. Cattani-Colla, 2005, p. 526), tutti di forma uguale a quello di S. Giovanni e analoga decorazione. Altro dato comune a questi pezzi è la regolare presenza della bollatura di Zecca in uso a partire dal 1816, apposta alla quasi totalità dei lavori del Sanini, ad attestarne il costante rispetto della normativa sulla qualità dei materiali utilizzati ed implicitamente il buon livello del suo atelier, uno dei meglio considerati in città sia da parte dei privati che delle principali istituzioni religiose (per alcune delle quali rivestì il ruolo non solo di fornitore ma anche di argentiere di fiducia, come nel caso della chiesa della Steccata) 
Piede circolare con alto gradino liscio e giro di foglie di quercia; coppa ornata inferiormente da foglie lanceolate e sull'alta fascia brunita da specchiature recanti trofei vegetali; su tale fascia sono applicati gli elementi d'innesto delle catenelle di sospensione, costituiti da nastri ansati desinenti in foglie; coperchio svasato e lavorato a traforo con un giro di semicerchi includenti corolle alternati a foglie, al quale si sovrappone un partito ad ovati accoppiati alternati a rami di foglie; sul cupolino e sul piattello di raccordo delle catene ancora ornati a foglie 
turibolo 
Parma (PR) 
0800445512 
turibolo 
proprietà Ente religioso cattolico 
argento/ sbalzo/ cesellatura 
bibliografia di confronto: Cattani R./ Colla S - 2005 
bibliografia di confronto: Cattani R - 1991 
bibliografia specifica: Cattani R./ Colla S - 2009 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here