allegoria della Vittoria come aquila (monumento ai caduti - a lapide) by Baraldi Carlo (attribuito) (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800602328 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, a lapide, Monumento ai caduti della prima guerra mondiale allegoria della Vittoria come aquila
allegoria della Vittoria come aquila (monumento ai caduti - a lapide) di Baraldi Carlo (attribuito) (sec. XX) 
allegoria della Vittoria come aquila (monumento ai caduti - a lapide) by Baraldi Carlo (attribuito) (sec. XX) 
Monumento ai caduti della prima guerra mondiale (monumento ai caduti a lapide) 
Nel vasto atrio del Comune di Castelvetro, voltato e spartito in tre corridoi paralleli da colonne, la porzione destra è chiusa da cancellata e ospita la grande lapide ai Caduti. Questa è costituita da una cornice centinata in marmo bianco lavorato che occupa quasi interamente la specchiatura centrale della parete chiusa fra le paraste - corrispondenti alle colonne - e la volta. La cornice è mossa da un fregio continuo di foglie d'alloro e bacche. In alto, nella centina, un'aquila in bronzo, ad ali spiegate, si staglia davanti ad un ramo di quercia; più sotto una targa ospita la scritta commemorativa. Il corpo del monumento è interamente occupato da piccole lastre sempre in marmo bianco ciascuna delle quali ospita la foto del soldato caduto - ove reperita -e le informazioni riguardanti la data, il luogo e le circostanze del decesso. Davanti alla lapide pende un grande lampadario costituito da un insieme di rami di rosa con fiori e foglie; immediato è il richiamo alla corona di spine se pure fiorita. A destra di questa grande lapide, nella specchiatura della parete più prossima alla facciata del palazzo, una seconda semplice lapide in marmo rosa ospita il discorso Diaz; sulle mensoline che la reggono è incisa la data di inaugurazione 
ca 1921/05/24-1921/05/24 
0800602328 
monumento ai caduti a lapide 
00602328 
08 
0800602328 
La biblioteca Poletti di Modena conserva una cartolina che riprende la lapide centrale sita nell'atrio del municipio di Castelvetro. La cartolina, datata 19 giugno 1921, assegna l'esecuzione del monumento al prof. Baraldi. Questi è, con ogni probabilità, da identificare in quel Carlo Baraldi scultore modenese attivo all'estero e del quale si ricorda, nel modenese, fra le altre opere, l'altare marmoreo della Madonna del Carmine nella chiesa di S. Lorenzo in Prignano e il monumento a G. Raisini nel cimitero di San Cataldo a Modena oltre ad altre opere nei cimiteri di Cavezzo e di Mirandola. (http://www.isaventuri.it/TEDDOC/DOCDIDA/11-12/FAI-2012/biografia-scultori.htm; http://www.isaventuri.it/GALLERIA%20DELLE%20STATUE/galleriastatue/005-Busto%20Poletti/005-Busto%20Poletti%20sc.html). (Bibliografia di confronto: "Carlo Baraldi, scultore" in "Atti e Memorie. Deputazione di storia patria di Modena, serie VIII, vol. XI (1959) pp. 138-143; Barbieri A., "A regola d'arte...", Modena, Mucchi 2008, p. 23) 
allegoria della Vittoria come aquila 
45A3 : 54F2(+3) : 25F33(AQUILA)(+3) 
Nel vasto atrio del Comune di Castelvetro, voltato e spartito in tre corridoi paralleli da colonne, la porzione destra è chiusa da cancellata e ospita la grande lapide ai Caduti. Questa è costituita da una cornice centinata in marmo bianco lavorato che occupa quasi interamente la specchiatura centrale della parete chiusa fra le paraste - corrispondenti alle colonne - e la volta. La cornice è mossa da un fregio continuo di foglie d'alloro e bacche. In alto, nella centina, un'aquila in bronzo, ad ali spiegate, si staglia davanti ad un ramo di quercia; più sotto una targa ospita la scritta commemorativa. Il corpo del monumento è interamente occupato da piccole lastre sempre in marmo bianco ciascuna delle quali ospita la foto del soldato caduto - ove reperita -e le informazioni riguardanti la data, il luogo e le circostanze del decesso. Davanti alla lapide pende un grande lampadario costituito da un insieme di rami di rosa con fiori e foglie; immediato è il richiamo alla corona di spine se pure fiorita. A destra di questa grande lapide, nella specchiatura della parete più prossima alla facciata del palazzo, una seconda semplice lapide in marmo rosa ospita il discorso Diaz; sulle mensoline che la reggono è incisa la data di inaugurazione 
Castelvetro di Modena (MO) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
allegoria della Vittoria come aquila 
marmo bianco 
bronzo/ fusione 
marmo rosa 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here