bandiera - manifattura turca (seconda metà sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900050498 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

bandiera - manifattura turca (seconda metà sec. XVI) 
bandiera - manifattura turca (seconda metà sec. XVI) 
bandiera 
Bandiera di forma triangolare (fiamma da combattimento), a campo interno rosso con coppie di mezzelune, stelle e doppio triangolo davidico in verde, giallo, bianco, azzurro. Sui due lati lunghi, negli stessi colori, una cornice a motivi zig-zag, affiancata, su un solo lato, da una cornice a treccia. Frammenti di un tessuto rosso non più pertinenti lasciano supporre la presenza di una cornice a treccia anche sul lato destro. E' eseguita in taffetas di più colori, con tecnica a intarsio, ed è interamente supportata da un tessuto leggero, in diagonale di seta avorio, presumibilmente di un antico restauro, cucito sui tre lati ad un cordone di profilatura di lino bianco 
1550-1599 
0900050498 
bandiera 
00050498 
09 
0900050498 
Una tradizione antica, raccolta sia da A. Giusiani (Atlante araldico, 1933), sia da G.G. Guarnieri (Cavalieri di Santo Stefano, 1928), individua in questa bandiera il vessillo della nave ammiraglia di Mehemet Alì Pascià, conquistata nella battaglia di Lepanto il 7 ottobre 1571 dalla due navi dell'Ordine stefaniano, la Capitana e la Grifona. Di questa bandiera, particolarmente fragile per la sua stessa tecnica di esecuzione, restano, nel nucleo della chiesa dei Cavalieri, pochi esemplari analoghi, interamente realizzati in taffetas di seta leggera, di più colori, cuciti insieme a comporre i motivi decorativi. L'insieme delle bandiere è stato sottoposto ad antichi restauri: nel 1820; nel 1851, ad opera di Sarah Butler Handcock; alla fine dell'Ottocento, per mano delle monache stefaniane di S. Paolo; nel 1926 e nel 1956, a cura dell'E.P.T. di Pisa 
Bandiera di forma triangolare (fiamma da combattimento), a campo interno rosso con coppie di mezzelune, stelle e doppio triangolo davidico in verde, giallo, bianco, azzurro. Sui due lati lunghi, negli stessi colori, una cornice a motivi zig-zag, affiancata, su un solo lato, da una cornice a treccia. Frammenti di un tessuto rosso non più pertinenti lasciano supporre la presenza di una cornice a treccia anche sul lato destro. E' eseguita in taffetas di più colori, con tecnica a intarsio, ed è interamente supportata da un tessuto leggero, in diagonale di seta avorio, presumibilmente di un antico restauro, cucito sui tre lati ad un cordone di profilatura di lino bianco 
Pisa (PI) 
proprietà Stato 
bandiera 
seta/ taffetas 
bibliografia specifica: Giusiani A - 1933 
bibliografia specifica: Guarnieri G. G - 1928 
bibliografia specifica: Baracchini C./ Devoti D - 1997 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here