SANTI IN ADORAZIONE (dipinto, complesso decorativo) by Gimignani Giacinto (sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900063878 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, complesso decorativo SANTI IN ADORAZIONE
SANTI IN ADORAZIONE (dipinto, complesso decorativo) di Gimignani Giacinto (sec. XVII) 
SANTI IN ADORAZIONE (dipinto, complesso decorativo) by Gimignani Giacinto (sec. XVII) 
ca 1648-ca 1648 
Dipinto murale. Sopra il Palazzo cittadino dei Boccella sono sospesi sulle nubi alcuni santi in adorazione della Madonna del Sasso che si trova sull'altare: si riconoscono da sinistra Santa Caterina da Siena con la veste domenicana, la corona di spine e il giglio retto dall'angelo che le sta accanto, San Francesco d'Assisi con l'abito francescano, San Giovanni Battista con la croce, il Beato Luigi vestito di nero, Sant'Enrico re di Germania con la corona e lo scettro, Sant'Ambrogio con il piviale, il pastorale e la mitra, San Carlo Borromeo nella rossa veste cardinalizia, San Pietro in abito azzurro e manto giallo e le chiavi rette dall'angelo al suo fianco, San Bartolomeo con il coltello e San Simone con la croce. Affresco finito a secco 
dipinto (complesso decorativo) 
00063878 
09 
0900063878 
Nel testamento redatto il 30 settembre del 1648 Giovanni Francesco Boccella "Lascia che si terminino i quadri di detta Cappella" (del Sasso) "con i Protettori della Fam.a che sono S. Piero - S. Gio. Batt.a - S. Francesco - S. Caterina da Siena - S. Bartolomeo - S. Carlo - il B. Luigi - S. Enrico - S. Simone e S. Ambrogio" (Lucca, Biblioteca Statale, Notizie Genealogiche delle famiglie lucchesi del Can.co Giuseppe Vincenzo Baroni, Ms. 1106, cc. 691-692). Tale affermazione induce a spostare intorno al 1648 l'esecuzione degli affreschi della cappella che finora sono stati invariabilmente datati al 1657 in consentaneit√† con quelli della Cappella Barsotti condotti dal Gimignani in quell'anno come testimona la data lasciata dal pittore nella scena con la Flagellazione: HYACINTHUS GIMIGNANUS PISTORIENSIS PINGEBAT A. S. MDCLVII. Il nome del committente Giovanni Francesco d'Arrigo di Luviso di Giovanni Maria, che nel 1644 aveva rivestito la carica di ambasciatore per papa Innocenzo X, giustifica almeno in parte la scelta dei santi effigiati nell'affresco, protettori della famiglia. L'edificio sopra il quale sono sospesi i santi poggianti sulle nubi non rappresenta la Villa Boccella di Ponte a Moriano, come affermato dalla Fischer (1973, p. 165), bens√¨ il palazzo cittadino della famiglia sito in Via San Giorgio, riconosciuto dalla Belli Barsali (1988, p. 240), che vi appare riprodotto fedelmente. La Fischer ha identificato nel San Giovanni Battista presente nel disegno n. F. C. 124506 del Gabinetto Nazionale delle Stampe a Roma lo studio per questa figura ritratta nell'affresco lucchese (Fischer Pace 1979, scheda 31, p. 34). Nell'affresco, dove i Santi sono ritratti in adorazione della Madonna del Sasso collocata sull'altare della cappella, appare attuata la continuit√† tipicamente barocca tra spazio reale e fittizio 
SANTI IN ADORAZIONE 
Dipinto murale. Sopra il Palazzo cittadino dei Boccella sono sospesi sulle nubi alcuni santi in adorazione della Madonna del Sasso che si trova sull'altare: si riconoscono da sinistra Santa Caterina da Siena con la veste domenicana, la corona di spine e il giglio retto dall'angelo che le sta accanto, San Francesco d'Assisi con l'abito francescano, San Giovanni Battista con la croce, il Beato Luigi vestito di nero, Sant'Enrico re di Germania con la corona e lo scettro, Sant'Ambrogio con il piviale, il pastorale e la mitra, San Carlo Borromeo nella rossa veste cardinalizia, San Pietro in abito azzurro e manto giallo e le chiavi rette dall'angelo al suo fianco, San Bartolomeo con il coltello e San Simone con la croce. Affresco finito a secco 
SANTI IN ADORAZIONE 
Lucca (LU) 
0900063878 
dipinto 
detenzione Ente pubblico non territoriale 
intonaco/ pittura a fresco/ pittura a tempera 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here