decorazione plastico-architettonica by Allori Alessandro, Piccardi Jacopo - bottega fiorentina (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900070810A-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

decorazione plastico-architettonica
decorazione plastico-architettonica di Allori Alessandro, Piccardi Jacopo - bottega fiorentina (sec. XVI) 
decorazione plastico-architettonica by Allori Alessandro, Piccardi Jacopo - bottega fiorentina (sec. XVI) 
decorazione plastico-architettonica 
Della decorazione plastico-architettonica della facciata fanno parte la mostra del portale, una mostra di finestra, una serie di due finestre con modanatura sagomata orizzontale, una serie di due finestre di formato ovale e una serie di due nicchie 
ca 1592-ca 1597 
0900070810A-0 
decorazione plastico-architettonica 
00070810 
09 
0900070810A 
Lafondazione della chiesa di Sant'Agata risale molto probabilmente al 1211, mentre l'origine del monastero deve essere collocata fra questo stesso anno e il 1286, data in cui alcune monache benedettine camaldolesi provenienti dal convento di S. Andrea di Bibbiena si stabilirono nel monastero di S. Agata, formando una fiorente comunità che si ingrandì nel corso degli anni. Sia la chiesa che il convento infatti subirono completi lavori di ristrutturazione e ampliamento nel 1389 e nel 1438, fin quando, in data 11 luglio 1569, monsignor Antonio Altoviti, arcivescovo di Firenze, consacrò solennemente la chiesa di S.Agata che nel frattempo era stata oggetto di un radicale restauro. I documenti pubblicati da Achille De Rubertis (1916-1918), di cui non è possibile verificare l'esattezza, ci informano che la facciata fu realizzata per atto di donazione del senatore Lorenzo Pucci, rogato in Firenze il 5 giugno 1592 da Paolo di Francesco Paolini.Alcuni mesi più tardi, il 20 novembre di quello stesso anno, il senatore morì e la sua opera benefica nei confronti delle monache di Sant'Agata fu proseguita da Ascanio di Pandolfo Pucci. Quest'ultimo, il 26 novembre 1592, stipulò un contratto con lo scalpellino Jacopo di Zanobi Piccardi per l'esecuzione dei restauri della chiesa e del monastero. , mentre Alessandro Allori fornì il disegno della facciata e fu incaricato della direzione dei lavori che continuarono fino al 1597. Considerata dai Paatz la più importante creazione architettonica dell'Allori, questa facciata si inserisce perfettamente, per il tipo di decorazione, nella cultura fiorentina postmichelangiolesca. Essa infatti testimonia come questo artista dell'ultima generazione del Cinquecento avesse perfettamente assimilato il linguaggio del Buonarroti, spogliandolo di tutta quella tensione e drammaticità strutturale che gli sono proprie. Privilegiando lo sviluppo di soluzioni lineari e decorative, questo tipo di architettura si avvicina così maggiormente a quella del Vasari, del Dosio e del Buontalenti 
Della decorazione plastico-architettonica della facciata fanno parte la mostra del portale, una mostra di finestra, una serie di due finestre con modanatura sagomata orizzontale, una serie di due finestre di formato ovale e una serie di due nicchie 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
decorazione plastico-architettonica 
pietra serena/ scultura 
bibliografia specifica: Venturi A - 1901-1940 
bibliografia specifica: Kirchen Florenz - 1940-1954 
bibliografia specifica: Fantozzi F - 1842 
bibliografia specifica: Richa G - 1754-1762 
bibliografia specifica: Follini V./ Rastrelli M - 1789-1802 
bibliografia specifica: Bacciotti E - 1886-1888 
bibliografia specifica: Bracaloni L - 1955 
bibliografia specifica: De Palo R - 1961 
bibliografia specifica: De Rubertis A - 1916-1918 
bibliografia specifica: Guida - 1825 
bibliografia specifica: Guida città - 1843 
bibliografia specifica: La Nazione - 1970 
bibliografia specifica: Litta P - 1819-1902 
bibliografia specifica: Lumachi F - 1928 
bibliografia specifica: Masetti F - 1723 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here