episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche (dipinto, ciclo) by Allori Alessandro, Butteri Giovanni Maria, Pieroni Alessandro (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900130028A-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, ciclo episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche
episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche (dipinto, ciclo) di Allori Alessandro, Butteri Giovanni Maria, Pieroni Alessandro (sec. XVI) 
episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche (dipinto, ciclo) by Allori Alessandro, Butteri Giovanni Maria, Pieroni Alessandro (sec. XVI) 
dipinto (ciclo) 
Gli episodi della vita di San Giovanni Gualberto, eseguiti con la tecnica a 'mezzo fresco', si svolgono su tutte le pareti del transetto sinistro: sopra le specchiature a finto marmo, nella parete di fondo e a sinistra, si svolge la scena della 'ricognizione delle reliquie del Santo' affrescate dall'Allori; mentre nella parte superiore le scene, racchiuse da una cornice a motivi fitomorfi colorati, della malattia, della morte e di alcuni suoi miracoli, affrescate dalla mano del Butteri e del Pieroni. La volta invece è decorata da grottesche ed è stata attribuita sempre all'Allori 
1580-1581 
0900130028A-0 
dipinto 
00130028 
09 
0900130028A 
Gli affreschi della cappella di San Giovanni Gualberto, come anche il disegno architettonico si devono ad Alessandro Allori, secondo una notizia riportata anche dal Borghini (1584) e da lui stesso trascritta su un "libro di Ricordi" conservato come dice il Carocci (1896) nell'archivio di Casa Pazzi. Sotto l'anno 1580 (3 novembre) si legge: " Rev. D. Aurelio da Forlì abate della Badia di Passignano......è rimasto d'accordo col M. Giovan Francesco Scarpellino da Settignano del Parapetto dinanzi alla cappella di S. Giovanni Gualberto che va di Balaustra in marmo con parapetti di legname, secondo un disegno fatto da me e accordato col detto scarpellino con dargli tutti i marmi, farlo per scudi 30 di moneta". All'anno 1580 (stile fiorentino) 15 marzo si leggono notizie riguardo le pitture e i collaboratori e, fra l'altro "Due tele...... nell'una quando S. Giovanni Gualberto fa passare il monaco per il fuoco è fatta da Giovanni Maria Butteri e l'altra fatta da Alessandro Pieroni quando Giovanni Gualberto perdona al nemico. La tela di mezzo fatta da me, dov'è nostro Signore nel Sepolcro......". Nel 1908 il Supino pubblica un altro "Libro di Ricordi" conservato nell'archivio di Palazzo Gerini dove si legge a c. 6 nel 1580 "Da Don Aurelio da Furlì, Abate di Passignano lire ottantaquattro per buon conto delle pitture e altro per la cappella de' farsi in detta Badia" e a c. 10 "Don Reverendo Abate, Monaci e converso della Badia di Passignanoscudi cento trentadi moneta, cioè, lire novecentodieci, tanti sono per le pitture della cappella di S. Giovanni Gualberto in detta Badia, cioè, in teledi pittura...... (idem come sopra) più la volta e altri spazii alla cappella a fresco fatti da Giovanni Maria detto: fu con mio disegno, et così tutte le pietre e l'ordine di architettura fatto a mia spese di colori, eccettolo azzurro oltremarino: e per resto di tutto questo conto ho ricevuto scudi diciotto soldi quindici, fanno buoni per me a Giovan Maria Butteri. Portai contanti in questo dì 14 di marzo 1580. Degli affreschi e delle tele parlano il Fornaciai (1903); il Gamba (1929); il Venturi (1933); lo Schiavo (1954) e la Becherucci (1960), ma nessuno dei critici sopra ricordati si pone il problema della distinzione delle mani. La tela dell'Allori è scomparsa agli inizi del XVIII secolo ma riteniamo probabile che il suo disegno sia quello conservato a Oxford, Christ Church 76 
episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche 
Gli episodi della vita di San Giovanni Gualberto, eseguiti con la tecnica a 'mezzo fresco', si svolgono su tutte le pareti del transetto sinistro: sopra le specchiature a finto marmo, nella parete di fondo e a sinistra, si svolge la scena della 'ricognizione delle reliquie del Santo' affrescate dall'Allori; mentre nella parte superiore le scene, racchiuse da una cornice a motivi fitomorfi colorati, della malattia, della morte e di alcuni suoi miracoli, affrescate dalla mano del Butteri e del Pieroni. La volta invece è decorata da grottesche ed è stata attribuita sempre all'Allori 
Tavarnelle Val di Pesa (FI) 
proprietà Ente religioso cattolico 
episodi della vita di San Giovanni Gualberto, grottesche 
intonaco/ pittura a mezzo fresco 
bibliografia specifica: Venturi A - 1901-1940 
bibliografia specifica: Dizionario biografico - 1960- 
bibliografia specifica: Borghini R - 1584 
bibliografia specifica: Lecchini Giovannoni S - 1968 
bibliografia specifica: Carocci G - 1896 
bibliografia specifica: Gamba C - 1929 
bibliografia specifica: Supino I.B - 1908 
bibliografia specifica: Fornaciai G - 1903 
bibliografia specifica: Schiavo A - 1954 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here