crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista (dipinto) by Allori Alessandro (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900161097 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista
crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista (dipinto) by Allori Alessandro (sec. XVI) 
crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista (dipinto) di Allori Alessandro (sec. XVI) 
dipinto 
n.p 
1558-1558 
0900161097 
dipinto 
00161097 
09 
0900161097 
La prima volta che l'opera risulta citata al Fuligno, all'altare maggiore, è nella guida del Biagi del 1824, dove di dice che l'opera è stata posta in sostituzione di una pala con l'Assunzione (si riferisce quindi all'Assunzione della Madonna del Passignano, adesso alla Pieve di Santa Maria all'Antella). Nell'inventario del Fuligno del 1854 la pala è ritenuta opera del Bronzino. Carocci collocò questo dipinto (descritto come tavola "sagomata a porzion di cerchio nella parte superiore, m. 3,30 per 2,15) genericamente in ambiente fiorentino. Attualmente la pala è fra le ultime opere ad essere attribuita all'Allori, allo stato attuale è la più importante testimonianza della sua attività artistica giovanile, antecedente al periodo di formazione, a Roma, tra il 1558 e il 1560. Eseguita quando l'artista operava nella bottega del Bronzino, probabilmente da ritenere una di quelle opere che il Baldinucci considerava come esempio delle prime esperienze compositive dell'Allori. Monica Bietti ha proposto di riconoscere in questa pala la prima opera dell'Allori, citata da Borghini. Anche l'iscrizione, che evidenzia ancora il rapporto con il maestro, fa pensare alla sua produzione iniziale. La tavola suggerisce numerosi interrogativi sulle sue vicissitudini; presenta infatti tagli e riassemblaggi. L'opera è stata smembrata in tre parti, successivamente riunita, in un insieme di dimensione inferiore, per essere evidentemente inserita in uno spazio più contenuto; presentandosi così su un piano che non rispettava i rapporti originali; successivamente si è cercato di ritrovare le proporzioni spaziali inserendo i tre frammenti della tavola su un piano più ampio; per creare omogeneità si è proceduto a dare un fondo scuro uniforme sulla tavola e intorno alle figure, coprendo la pittura originale rimasta. L'opera riporta una iscrizione, scarsamente leggibile, con data 1658, data quindi estranea al momento dell'esecuzione; nel catalogo della mostra su Bronzino è stata avanzata l'ipotesi che la data corrisponda in parte al momento in cui l'opera è stata riassemblata (il 58, come trascrizione dell'originale e il XVII secolo come il secolo in cui è stato svolto il lavoro) e che anche la firma sia stata ritrascritta perché perduta con i tagli delle tre parti 
crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista 
11 D 36 : 11 F 25 : 11 H (GIOVANNI EVANGELISTA) 
n.p 
Firenze (FI) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
crocifissione di Cristo con la Madonna e San Giovanni Evangelista 
tavola/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Baldinucci F - 1845-1847 
bibliografia specifica: Fantozzi F - 1842 
bibliografia specifica: Borghini R - 1584 
bibliografia specifica: Biadi L - 1824 
bibliografia di confronto: Lecchini Giovannoni S - 2003 
bibliografia di confronto: Bietti M - 1997 
bibliografia specifica: Bietti M - 2000 
bibliografia specifica: Bronzino, pittore - 2010 
bibliografia specifica: Educatorio Fuligno - 1999 
bibliografia di confronto: Costamagna P./ Falciani C - 2010 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here