balza - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162359 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX) 
balza - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX) 
balza 
Il bordo utilizzabile per rifiniture di abiti, è decorato da motivi geometrici 'a rosone' che si alernano l'un l'altro. I rosoni sono di due tipi, uno con varie punte concentriche e uno con piccoli cerchi concentrici. I motivi centrali sono riuniti agli angoli attraverso 'barrette picotées' (con piccoli festoni lavorati ad ago). La lavorazione ad ago utilizza i punti occhiello, tela, punto pieno 
1875-1899 
0900162359 
balza 
00162359 
09 
0900162359 
La lavorazione di questo bordo esemplifica la ripresa ottocentesca di disegni del XVI e XVII secolo, a motivi geometrici, che avevano caratterizzato la produzione dei reticelli e dei ricami di quegli anni. Il gusto geometrico dei reticelli, qui riproposto, non era in realtà tipico dei punti in area che furono i primi esempi di un merletto vero e proprio e si contraddistinsero per una più fantasiosa libertà di intrecci a motivi floreali. Molti disegni per i punti in area furono pubblicati nel 1639 nel testo di Bartolomeo Danieli "Vari disegni di merletti...", stampato a Bologna, dove appunto si cominciano ad imporre i morbidi intrecci vegetali curvilinei. Questi lavori che riprendono dunque i disegni del reticello con una tecnica che non tiene più in considerazione la tela di fondo erano cioè su pergamena con la stessa tecnica dei lavori ad ago, per lo più dell'Italia, ma anche nei vari centri europei dove cominciarono ad apparire alla prima metà del XVIII secolo, quando i lavori con la tela tagliata a ricamata erano ancora in auge 
Il bordo utilizzabile per rifiniture di abiti, è decorato da motivi geometrici 'a rosone' che si alernano l'un l'altro. I rosoni sono di due tipi, uno con varie punte concentriche e uno con piccoli cerchi concentrici. I motivi centrali sono riuniti agli angoli attraverso 'barrette picotées' (con piccoli festoni lavorati ad ago). La lavorazione ad ago utilizza i punti occhiello, tela, punto pieno 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ merletto ad ago 
bibliografia di confronto: Levey S - 1983 
bibliografia specifica: Merletti Palazzo - 1981 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here