colletto - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162363 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

colletto - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX) 
colletto - manifattura italiana (ultimo quarto sec. XIX) 
colletto 
Il colletto stondato detto 'Berta' è costituito da due bordi che riprendono i motivi decorativi dei reticelli della fine del XVI secolo, costituiti da elementi geometrici e foglie stilizzate, che seguono un andamento sinuoso. Le due fasce, con i motivi centrali, sono collegate tra loro da un bordo, che rifinisce tutto il colletto, eseguito a motivi geometrici. Il collo è bordato all'esterno da punte allungate. I punti principali con cui è eseguito questo collo ad ago sono il punto avorio, il punto pieno, il punto tela, e il punto occhiello, realizzati senza nessun supporto di tela e definiti 'punti in area' indicando con questo termine i primi lavori cinquecenteschi eseguiti senza alcun supporto di tela 
1875-1899 
0900162363 
colletto 
00162363 
09 
0900162363 
La ripresa dei motivi che erano stati tipici della tradizione italiana della fine del XVI secolo, inizi del XVII, è tipica del XIX secolo, ed in particolare della seconda metà. La tradizione di questi punti ad ago, detti punti in area, era rimasta praticamente inalterata e mai del tutto abbandonata, cosicché in molti centri di lavorazione italiana, quali Burano, Bologna o Siena si continua per tutto il secolo XIX a riproporla, utilizzando anche gli antichi motivi decorativi. Il collo, detto Berta, faceva parte di quei grandi colli da spalla a spalla e mantellina, che vengono di moda negli anni Settanta dell'Ottocento, allorché la modificazione delle pettinature femminili che si afferma in quegli anni, apre la strada alla diffusione dei colli e collaretti arricciati in cui l'impiego del merletto diventa quasi d'obbligo. Sia le 'Berte' che i fichus e i colli a V accompagnano perfettamente la tendenza al revival storico che percorre la moda femminile di questi anni e si prestano a tutta una serie di definizioni d'epoca, per le quali è estremamente difficile la verifica con i modelli da cui traggono origine: colli alla Medici, alla Maria Stuarda, Enrico II, Enrico III ecc. (si veda D.Davanzo Poli) 
Il colletto stondato detto 'Berta' è costituito da due bordi che riprendono i motivi decorativi dei reticelli della fine del XVI secolo, costituiti da elementi geometrici e foglie stilizzate, che seguono un andamento sinuoso. Le due fasce, con i motivi centrali, sono collegate tra loro da un bordo, che rifinisce tutto il colletto, eseguito a motivi geometrici. Il collo è bordato all'esterno da punte allungate. I punti principali con cui è eseguito questo collo ad ago sono il punto avorio, il punto pieno, il punto tela, e il punto occhiello, realizzati senza nessun supporto di tela e definiti 'punti in area' indicando con questo termine i primi lavori cinquecenteschi eseguiti senza alcun supporto di tela 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
colletto 
filo di lino/ merletto ad ago 
bibliografia di confronto: Davanzo Poli D./ Butazzi G./ Mottola Molfino A - 1982 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here