balza - manifattura di Alençon (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162402 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza - manifattura di Alençon (sec. XIX) 
balza - manifattura di Alençon (sec. XIX) 
balza 
Su una rete di fondo a maglie esagonali, allineate a scaletta in senso verticale e parallelo, sono sparsi, in modo regolare, dei pois. Il decoro, tutto concentrato sul bordo, è costituito da un motivo geometrico di punte triangolari, alcune che formano l'orlo esterno, altre in opposta direzione, che formano con le prime un rombo. All'interno di queste punte un ramoscello stilizzato e fondi eseguiti ad ago detti 'point mignon' che regolarmente si alternano al fondo normale. il motivo geometrico è scandito da rami stilizzati con foglioline, volti verso l'alto e rigidi 
1820-1830 
0900162402 
balza 
00162402 
09 
0900162402 
Collocabile tra il 1820 e il 1830 quando è ancora viva l'influenza dello stile impero, caratterizzabile in un decoro assai simmetrico e stilizzato che concentra il disegno solo alla estremità del merletto, mentre lascia libero il fondo a rete, semplicemente arricchito da leggeri elementi. Il gusto del fondo a rete, che andò a sostituire i ricchi ed alaborati fondi dei primi decenni del XVIII secolo, fu lanciato proprio dalla manifattura di Alençon intorno al 1740. Tale innovazione, che introduceva le maglie esagonali prive dei picots (che erano stati tipici del point de France eseguito tra il terzo decennio del XVII secolo e i primi del XVIII in vari centri francesi, tra cui Alençon) fu quello che caratterizzò questo centro di lavorazione per una produzione autonoma di merletti che da allora presero il nome di Alençon e Argentan (centro vicino che produceva merletti assai simili) e che per tutto il XVIII e XIX secolo servirono ad individuare tali manufatti. I centri di lavorazione del tipo Alençon furono però vari e ne sorsero anche fuiri dalla Francia, in Belgio e in Italia, a Burano, dove si tentò di imitare tale modelli, sia nel XVIII che nel XIX secolo 
Su una rete di fondo a maglie esagonali, allineate a scaletta in senso verticale e parallelo, sono sparsi, in modo regolare, dei pois. Il decoro, tutto concentrato sul bordo, è costituito da un motivo geometrico di punte triangolari, alcune che formano l'orlo esterno, altre in opposta direzione, che formano con le prime un rombo. All'interno di queste punte un ramoscello stilizzato e fondi eseguiti ad ago detti 'point mignon' che regolarmente si alternano al fondo normale. il motivo geometrico è scandito da rami stilizzati con foglioline, volti verso l'alto e rigidi 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ merletto ad ago 
bibliografia di confronto: Despierres E. A. M - 1886 
bibliografia specifica: Eleganza civetterie - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here