barba di cuffia, serie - manifattura di Malines (ultimo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162415 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

barba di cuffia, serie
barba di cuffia, serie - manifattura di Malines (ultimo quarto sec. XVIII) 
barba di cuffia, serie - manifattura di Malines (ultimo quarto sec. XVIII) 
barba di cuffia (serie) 
Due barbe di cuffia unite insieme (misura si riferisce ai due pezzi presi singolarmente) con fondo drochel a rete a maglie esagonali, create da due fili ritorti due volte nei quattro lati e quattro fili ritorti negli altri due. Il decoro è costituito da leggerissimi ramoscelli con fiori e foglie stilizzate, sparse sul fondo alternate a stelle regolarmente disseminate. Una doppia fila di mandorle, con vari trafori, percorre le estremità delle barbe. I decori, secondo le caratteristiche di Malines sono contornati da un sottile filo di traccia con il fondo a filo continuo 
1775-1799 
0900162415 
barba di cuffia 
00162415 
09 
0900162415 
Il gusto decorativo di queste barbe le fa collocare nell'ultimo quarto del XVII secolo, quando la moda internazionale è influenzata dallo stile LUigi XVI: i decori sono diventati assai tenui, simmetrici e regolari e hanno perduto qualsiasi riferimento naturalistico, che era stato proprio degli anni rococò, tramontato agli inizi degli anni Settanta. Il merletto di Malines o Mechlin ebbe un grande successo per tutto il XVIII secolo, allorché era apprezzato per la sua estrema leggerezza. I merletti di Malines non venivano prodotti solo nella città che ha dato loro il nome, ma anche a Turahout, nella provincia di Anversa e a Bruxelles, mentre era poco riprodotto all'estero. In Francia fu aperta una lavorazione verso la fine del XVIII secolo, nell'Ile de France, ma ebbe una breve durata. Nel secolo XIX, dopo la crisi della rivoluzione francese, le manifatture di malines non ritrovarono più il loro vigore; Bury Palliser nota che nel 1834 erano solo otto le manifatture che producevano merletti di Mechlin, e nonostante un breve revival all'esposizione universale di Londra, fu un merletto poco richiesto e sostituito dalle numerose varietà a macchina e a mano nate nell'Ottocento 
Due barbe di cuffia unite insieme (misura si riferisce ai due pezzi presi singolarmente) con fondo drochel a rete a maglie esagonali, create da due fili ritorti due volte nei quattro lati e quattro fili ritorti negli altri due. Il decoro è costituito da leggerissimi ramoscelli con fiori e foglie stilizzate, sparse sul fondo alternate a stelle regolarmente disseminate. Una doppia fila di mandorle, con vari trafori, percorre le estremità delle barbe. I decori, secondo le caratteristiche di Malines sono contornati da un sottile filo di traccia con il fondo a filo continuo 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
barba di cuffia 
filo di lino/ merletto a fuselli o tombolo 
bibliografia di confronto: Palliser Bury F - 1902 
bibliografia specifica: Merletti Palazzo - 1981 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here