colletto - manifattura inglese (ultimo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162422 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

colletto - manifattura inglese (ultimo quarto sec. XIX) 
colletto - manifattura inglese (ultimo quarto sec. XIX) 
colletto 
Su un fondo di tulle meccanico sono applicati decori a fuselli e ad ago del tipo melangée, del tipo point de gaze, che si alternano tra loro. Il collo sagomato è decorato da un motivo ad anelli che lo percorre tutto e crea nella parte inferiore una larga cornice variamente traforata. Al centro del colletto su tralcio fiorito con due ampi fiori centrali, il fondo è disseminato di pois 
1875-1899 
0900162422 
colletto 
00162422 
09 
0900162422 
Colletto femminile collocabile verso la fine del XIX secolo. Già dagli anni Settanta, con la modificazione delle pettinature femminili più raccolte e con il volume dei capelli spostato verso l'alto, si cominciano a diffondere enormemente i colletti, in cui l'impiego del merletto diventa d'obbligo e che continuerà ad essere usato fino ai primi decenni del XX secolo. Questo tipo di merletto misto, costituito cioè da inserzioni ad ago e a fuselli, fu molto comune nella seconda metà del XIX secolo, quando assai diffuso si fece l'uso del tulle meccanico, che andò a sostituire i fondi drochel a fuselli delle costosissime application de Bruxelles. E' incerto se si tratta di una produzione inglese o belga 
Su un fondo di tulle meccanico sono applicati decori a fuselli e ad ago del tipo melangée, del tipo point de gaze, che si alternano tra loro. Il collo sagomato è decorato da un motivo ad anelli che lo percorre tutto e crea nella parte inferiore una larga cornice variamente traforata. Al centro del colletto su tralcio fiorito con due ampi fiori centrali, il fondo è disseminato di pois 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
colletto 
filo di lino/ merletto tecnica mista 
bibliografia di confronto: Davanzo Poli D./ Butazzi G./ Mottola Molfino A - 1982 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here