balza - manifattura italiana (seconda meta' sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900162448 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza - manifattura italiana (seconda meta' sec. XIX) 
balza - manifattura italiana (seconda meta' sec. XIX) 
balza 
Il bordo è decorato da riquadri con al centro un fiore stilizzato, disposto in modo opposto ad ogni quadrato, a creare un andamento ondulato. Nella parte inferiore e superiore un motivo di due barrette che si incrociano al centro in una stella. Il lavoro è eseguito ad ago dalla sfilatura della tela di cui si vedono ancora i bordi 
1850-1899 
0900162448 
balza 
00162448 
09 
0900162448 
E' un esemplare di buona qualità di lavoro a reticello, di cui ripropone i tradizionali motivi geometrici e qualche stilizzato elemento floreale. tale genere di lavoro, ricavato dalla sfilatura della tela, raccolta poi in fasci e lavorata ad ago, o dal taglio della medesima aveva generalmente i decori geometrici perché quest'ultimi seguivano l'andamento perpendicolare e rigido dei fili di fondo, ma anche perché i reticelli furono tra i primi lavori ad ago della tradizione italiana cinquecentesca a risentire della tradizione moresca. tali decorazioni si erano diffuse mediante i tessuti, le tappezzerie di cuoio, le ceramiche in tutta l'area mediterranea; sono facilmente confrontabili con i disegni delle stoffe seriche spagnole del XV secolo (cfr. Mottola Molfino), per i quali i mori erano famosi e che circolavano ovunque. In alcuni libri di modelli di ricami e pizzi si fa esplicito riferimento a tale repertorio decorativo. I disegni per reticello diventeranno più vari verso l'ultimo quarto del XVI secolo, quindi si inserirono motivi vegetali e figure simboliche, composizioni araldiche, che provengono dalla cultura cortigiana italiana. I reticelli rimasero per lo più invariati nel tempo e la loro esecuzione, destinata alla biancheria domestica, ma anche all'abbigliamento personale non cessò praticamente mai. Nel XIX secolo soprattutto dalla seconda metà se ne riprodussero moltissimi e la Scuola Aemilia Ars aperta a Bologna nel 1898 si specializzò solo in questo genere di lavori, ispirandosi ai libri di modelli cinquecenteschi, quali quello di Aurelio Passarotti. La letteratura cinquecentesca fu ampiamente dedicata a tali generi di lavori e il revival ottocentesco attinse a queste fonti ispirative 
Il bordo è decorato da riquadri con al centro un fiore stilizzato, disposto in modo opposto ad ogni quadrato, a creare un andamento ondulato. Nella parte inferiore e superiore un motivo di due barrette che si incrociano al centro in una stella. Il lavoro è eseguito ad ago dalla sfilatura della tela di cui si vedono ancora i bordi 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ merletto ad ago 
bibliografia di confronto: Pizzi moda - 1977 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here