transito di San Romualdo (dipinto) by Grisoni Giuseppe (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900195152 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto transito di San Romualdo
transito di San Romualdo (dipinto) di Grisoni Giuseppe (sec. XVIII) 
transito di San Romualdo (dipinto) by Grisoni Giuseppe (sec. XVIII) 
dipinto 
n.p 
1734-1734 
0900195152 
dipinto 
00195152 
09 
0900195152 
Richa (1759), che vide il dipinto sull'altare della chiesa del monastero camaldolese di S. Maria degli Angeli, fornisce, per primo, precise notizie sull'opera, anche per quanto concerne l'identificazione dei personaggi che fecero da modelli per le tre figure in primo piano: "Alle cappelle laterali Francesco Conti vi effigiò il transito e volo in cielo di S. Romualdo, ma questa tavola mandata a Pisa, in suo luogo Giuseppe Grisoni vi ha dipinto la medesima istoria nella quale ritrasse Fra Angiolo Converso, che è quel monaco che tiene il Crocifisso in mano, e Fra Daniello pure monaco laico, che pensoso posa la mano sulla propria testa, e fece pure il ritratto di sua sorella Lessandra nella figura della monaca che si vede". Le notizie del Richa sono riprese, senza ulteriori precisazioni, da Federico Fantozzi (1842). Grisoni, allievo a Firenze di Tommaso Redi, viaggiò molto e fu attivo in Inghilterra, specialmente come ritrattista; a Firenze lavorò per l'arazzeria e per molte chiese. Per Chiarini (Pittura Italia 1990) il quadro "severo e patetico, in cui risuona la lezione del maestro" Redi, può essere considerato "il capolavoro del periodo fiorentino" dell'artista. Griffo (2000; Teatro Niobe 2009) propone il confronto, oltre che col Redi, con opere romane contemporanee, di Pietro Bianchi o Pier Leone Ghezzi, ipotizzando un breve soggiorno romano prima dell'esecuzione del dipinto. Nel 1862, quando Ferdinando Rondoni compilò l'Inventario degli oggetti d'arte della chiesa, il dipinto era ancora al suo posto sul primo altare a sinistra. Con la soppressione del Monastero di S. Maria degli Angeli, passò, insieme a molte altre opere, all'Ospedale di S. Maria Nuova e da qui, il 1 aprile 1900, alla Galleria degli Uffizi. Il 19 novembre 1928 la Soprintendenza alle RR. Gallerie affidò il dipinto del Grisoni alla Pia Casa di Lavoro, dov'è rimasto fino al 1998, tranne gli anni dal 1967 al 1986, quando fu ritirato per restauri in seguito ai danni dell'alluvione del 1966; restaurato nel 1979, in quell'occasione fu rinvenuta la firma del pittore e la data di esecuzione. Ricollocato nella ex chiesa di S. Maria degli Angeli nel 1998 
transito di San Romualdo 
11 H (ROMUALDO) 
n.p 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
transito di San Romualdo 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Dizionario enciclopedico - 1972-1976 
bibliografia specifica: Pittura Italia - 1990 
bibliografia specifica: Kirchen Florenz - 1940-1954 
bibliografia specifica: Fantozzi F - 1842 
bibliografia specifica: Richa G - 1754-1762 
bibliografia specifica: Marzi E - 1933 
bibliografia specifica: Chiostro camaldolese - 1998 
bibliografia specifica: Griffo A - 2000 
bibliografia specifica: Teatro Niobe - 2009 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here