scena campestre con figure (dipinto) - ambito fiorentino (prima metà sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900196075 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto scena campestre con figure
scena campestre con figure (dipinto) - ambito fiorentino (prima metà sec. XVIII) 
scena campestre con figure (dipinto) - ambito fiorentino (prima metà sec. XVIII) 
dipinto 
Cornice modanata in legno, dipinta di giallo e dorata 
1700-1749 
0900196075 
dipinto 
00196075 
09 
0900196075 
Il dipinto, raffigurante una scena campestre con cavalieri popolani, risulta arrivato alla villa dalla villa di Artimino il 30 settembre 1780. Nell'appendice dell'inventario del 1768, segnato con il 75 (che non compare sul retro della tela) si trova un quadro "alto braccia 11/3, largo braccia 19 dipintovi boschereccia, figurine, che uno di femmina, con bambini in grembo, sedente al suolo, e personaggi a cavallo, con fabbriche rustiche", che non lascia dubbi sull'identificazione, nonostante la mancanza del numero di riferimento. Nella stessa appendice al indicato alcun numero inventariale precedente forse di Artimino (656). Nel 1803 il dipinto assegnato quel 2942 (che non compare), si trovava nella stanza 156. Nel 1810, segnato col 2536 (che non compare), era stato sistemato nella quarta stanza, 209, del "quartierino" presso la cucina, che serviva di ritirata al palco del teatro per i sovrani. E solo con l'inventario del 1300 18-36, che non specifica l'ubicazione dei dipinti, che troviamo il primo riferimento inventari alle precise per il dipinto che vi figura segnato con il 20 21, oggi riscontrabile. nell'inventario del 1860 e segnato col 1572 e risulta collocato nella stanza 173. Il cattivo stato di conservazione del dipinto, restaurato trent'anni fa ed integrato in numerosi particolari, impedisce di poter avanzare ipotesi attributive precise. Una certa grandiosità dello sfondo, molto arioso,farebbe pensare alla lezione di Marco Ricci, mentre la figura di madre in primo piano, con un fazzoletto in testa, e le due donne dietro di lei, possono rimandare a Crespi. Crespi è un pittore che influenzò molto la pittura fiorentina tra 600 e 700, essendo un artista tra i preferiti e collezionati del gran principe Ferdinando di Toscana 
scena campestre con figure 
Cornice modanata in legno, dipinta di giallo e dorata 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
scena campestre con figure 
tela/ pittura a olio 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here