Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi (cassone) - manifattura Italia settentrionale (metà sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900226642-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

cassone Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi
Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi (cassone) - manifattura Italia settentrionale (metà sec. XVI) 
Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi (cassone) - manifattura Italia settentrionale (metà sec. XVI) 
cassone 
Piedi a voluta, zoccolo a gradini, corpo a forma di parallelepipedo con specchiature, coperchio piatto 
1540-1560 
0900226642-0 
cassone 
00226642 
09 
0900226642 
Acquistato nel 1867 dall'antiquario Alessandro Foresi, fratello del cronista Marco (Raffaello Foresi), il cassone è un tipico prodotto dell'artigianato del nord Italia, forse padovano, del XVI secolo. L'intaglio piatto, eseguito a incavo "a champlevé" su fondo ribassato e bulinato a rete, è infatti molto simile all'interno del coperchio di cassapanca conservato nel Museo Davia Bargellini di Bologna, che la Bandera attribuisce giustamente ad ambito padovano della fine del Quattrocento o dei primi del secolo seguente. Nel nostro esemplare però l'intaglio si limita al fondo ed i profili delle figure piragrafati sono poi ripassati a china. I costumi dei personaggi raffigurati ci fanno propensi per una datazione del cassone più avanzata rispetto al coperchio intagliato della collezione Davia Bargellini e cioè intorno alla metà del Cinquecento. Riveste un notevole interesse da un punto di vista iconografico per la raffigurazione di due delle sette meraviglie del mondo antico-il colosso di Rodi ed il tempio di Artemide a Efeso-, soggetti piuttosto rari in tale tipo di manufatto. Il cassone è tipologicamente simile ad un cassone con 'Storie di Susanna' conservato al museo Stibbert (inv.10351), pure assegnato ad una bottega dell'Italia settentrionale. Inoltre, la scena di 'Giuditta che uccide Oloferne' presenta affinità stilististiche con quella di un cassone conservato al museo del Bigallo 
Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi 
Piedi a voluta, zoccolo a gradini, corpo a forma di parallelepipedo con specchiature, coperchio piatto 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
Giuditta decapita Oloferne, tempio di Artemide a Efeso, Colosso di Rodi 
legno di cedro/ intaglio/ pittura 
bibliografia di confronto: Rosa G - 1963 
bibliografia specifica: Palazzo Davanzati - 1986 
bibliografia specifica: Museo Palazzo - 1971 
bibliografia di confronto: Kiel H - 1977 
bibliografia di confronto: Museo Davia - 1967 
bibliografia di confronto: Museo Stibbert - 1974 
bibliografia specifica: Arredi - 2016 
bibliografia specifica: Civiltà legno - 1985 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here