incoronazione di Maria Vergine, Santi (polittico) by Giotto (e aiuti), Gaddi Taddeo, Mainardi Sebastiano (sec. XIV, sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900281078-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

polittico incoronazione di Maria Vergine, Santi
incoronazione di Maria Vergine, Santi (polittico) di Giotto (e aiuti), Gaddi Taddeo, Mainardi Sebastiano (sec. XIV, sec. XV) 
incoronazione di Maria Vergine, Santi (polittico) by Giotto (e aiuti), Gaddi Taddeo, Mainardi Sebastiano (sec. XIV, sec. XV) 
1490-1490 
ca 1328-ca 1329 
Cinque pannelli ogivali entro cornice, predella con cinque scomparti 
polittico 
00281078 
09 
0900281078 
Il polittico che reca la firma di Giotto è ricordato quale opera autografa del maestro dalle fonti più antiche (Vasari) fino a tutto il il XIX secolo. All'inizio del Novecento l'autografia del maestro e la stessa autenticità della firma (Venturi la considerava una scritta commemorativa quattrocentesca) sono state messe in dubbio. Esclusa dal catalogo di Giotto dall'Offner, che non ricorda il polittico, parte degli studiosi la giudicavano opera esclusivamente di bottega (Douglas, Sinibaldi/Brunetti) o di uno stretto seguace del maestro (Berenson, Perkins, Ventura) identificabile secondo Frey in Taddeo Gaddi. Negli studiosi successivi si nota invece una inversione di tendenza, si tende infatti ad intravedere nel polittico anche l'intervento diretto di Giotto o nella concezione dell'impianto (Previtali lo riteneva eseguito da Taddeo con ritocchi finali di Giotto o del Parente di Giotto) o nel disegno (Baldini e Salvini lo ritenevano eseguite da Taddeo) o anche nella stesura di alcuni brani dell'opera (Longhi, Marchini e Gnudi davano a Giotto il pannello centrale e i laterali a Taddeo; i Paatz, Bologna e Bellosi lo ricordano come di Giotto e bottega). Cronologicamente l'opera, ritenuta quasi unanimamente un'opera tarda, e` stata collocata cronologicamente nel periodo immediatamente precedente alla partenza di Giotto per Napoli che risale al 1329 (Zeri) o subito dopo il suo ritorno nel 1334 (Salvini, Previtali), prima comunque della sua andata a Milano. Personalmente ritengo, come ha osservato lo Zeri, che il polittico sia il risultato di una collaborazione di Giotto con Taddeo che proprio in quegli anni lavorava alla decorazione della cappella Baroncelli a cui era destinato fin dall'origine il polittico. Il Gardner d'altronde notava una stretta relazione tra ciclo e polittico che riteneva concepiti contemporaneamente da un unico maestro che individuava in Giotto stesso (cfr. scheda 09/00281077). Il polittico fu dunque probabilmente concepito ed in parte realizzato da Giotto con l'aiuto di Taddeo e della bottega contemporaneamente agli affreschi e prima della sua partenza per Napoli. Attualmente il polittico non si presenta nella sua veste originale. Alla fine del Quattrocento venne infatti riquadrato ed inserito in una nuova cornice. Al pannello centrale fu asportata in quella occasione la cimasa, identificata dallo Zeri nel 1957 con una tavoletta triangolare con "l'Eterno e due angeli", già nella collezione Arthur Berenson di New York ed ora alla Fine Arts Gallery di San Diego. Sempre in occasione dell'inserimento della nuova cornice furono dipinti nei pennacchi sei teste di serafini. La sistemazione del polittico risale probabilmente all'ultimo decennio del secolo, quando Sebastiano Mainardi realizzò l'affresco con l'"Assunta" sulla parete occidentale della cappella. Lo Zeri, che ha formulato tale ipotesi, riconosce infatti nei serafini la mano dell'autore dell'"Assunta",Sebastiano Mainardi; La Ragionieri invece ritiene che l'intervento quattrocentesco risalga a Domenico Ghirlandaio. La notizia del restauro del 1865 ca. è ricordata dalle vecchie schede del Rondoni 
incoronazione di Maria Vergine, Santi 
Cinque pannelli ogivali entro cornice, predella con cinque scomparti 
incoronazione di Maria Vergine, Santi 
Firenze (FI) 
0900281078-0 
polittico 
proprietà Stato 
tavola/ pittura a tempera 
oro/ punzonatura 
bibliografia specifica: Bellosi L - 1985 
bibliografia specifica: Toesca P - 1951 
bibliografia specifica: Bologna F - 1969 
bibliografia specifica: Siren O - 1905 
bibliografia specifica: Vasari G - 1878-1885 
bibliografia specifica: Zeri F - 1957 
bibliografia specifica: Crowe J. A./ Cavalcaselle G. B - 1864-1866 
bibliografia specifica: Kirchen Florenz - 1940-1954 
bibliografia specifica: Longhi R - 1948 
bibliografia specifica: Maestri botteghe - 1992 
bibliografia specifica: Sinibaldi G./ Brunetti G - 1943 
bibliografia specifica: Flores D'Arcais F - 1995 
bibliografia specifica: Crowe J. A./ Cavalcaselle G. B - 1883-1908 
bibliografia specifica: Santa Croce - 1983 
bibliografia specifica: Conti A - 1972 
bibliografia specifica: Marchini G - 1938 
bibliografia specifica: Rintelen F - 1912 
bibliografia specifica: Primo Rinascimento - 1968 
bibliografia specifica: Berenson B - 1908 
bibliografia specifica: Cammerer M - 1995 
bibliografia specifica: Gardner J - 1971 
bibliografia specifica: Gardner J - 1995 
bibliografia specifica: Gnudi C - 1959 
bibliografia specifica: Gyarfes Wilde J - 1930 
bibliografia specifica: Previtali G - 1974 
bibliografia specifica: Salvini R - 1962 
bibliografia specifica: Toesca P - 1941 
bibliografia specifica: Domenico Ghirlandaio - 1983 
bibliografia specifica: Janson-La Palme R.J.H - 1976 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here