balza, serie - manifattura italiana (seconda metà sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900281364 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza, serie
balza, serie - manifattura italiana (seconda metà sec. XIX) 
balza, serie - manifattura italiana (seconda metà sec. XIX) 
balza (serie) 
Filato di cotone.Lavoro a crochet a maglie basse per catena e maglie alte semplici.La finitura all'uncinetto presenta un decoro geometrico molto regolare che assume l'aspetto di una maglia. Questa ripete per tutta la superficie maglie rotondeggianti , disposte in modo regolare, intorno ad una di dimensioni maggiori grande.Ad un orlo sono visibili gli occhielli dell'inizio della lavorazione, detti pippolini per merletto 
1850-1899 
0900281364 
balza 
00281364 
09 
0900281364 
La tecnica dell'uncinetto, più spesso indicata con il termine francese di Crochet. Era una tecnica che aveva avuto origine nella Francia del XVII secolo, dove risulta fin dal 1653 (S.Levey,Lace A History, Leeds, 1983, p.92) ma si sviluppa soprattutto dal 1820 quando viene illustrata nei manuali per lavori femminili. Divulgata tramite le riviste femminili conosce uno straordinario successo in tutt'Europa, alimentando la produzione professionale e quella dilettantesca. Numerosi laboratori professionali si svilupparono in Irlanda: la tecnica fu introdotta a Cork ,presso il convento delle Orsoline dove sorgeva una scuola e da lì si diffuse in altri centri. I Manufatti presero il generico nome di pizzo Irlanda, che imitava i rilievi plastici e i grandi motivi barocchi delle trine veneziane. Anche in Italia furono aperti laboratori professionali ad Isola Maggiore sul lago Trasimeno nel 1904 ispirati appunto al pizzo Irlanda. lo stesso avviene ad Orvieto(Terni) per iniziativa di un patronato detta Ars Wetana (Industrie femminili, 1906, pp.198-199). La tecnica facilmente eseguibile anche in ambito domestico, si avvaleva di tanti punti che potevano creare i più svariati effetti: in questo caso è utilizzata per imitare la trasparenza e la leggerezza dei merletti settecenteschi 
n.p 
Filato di cotone.Lavoro a crochet a maglie basse per catena e maglie alte semplici.La finitura all'uncinetto presenta un decoro geometrico molto regolare che assume l'aspetto di una maglia. Questa ripete per tutta la superficie maglie rotondeggianti , disposte in modo regolare, intorno ad una di dimensioni maggiori grande.Ad un orlo sono visibili gli occhielli dell'inizio della lavorazione, detti pippolini per merletto 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di cotone/ lavorazione a uncinetto 
bibliografia di confronto: Levey S - 1983 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here