allegoria dell'Abbondanza (decorazione musiva) by Buontalenti Bernardo, Ferrucci Battista di Francesco detto Battista del Tadda (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900281373-1 an entity of type: CulturalPropertyComponent

decorazione musiva, parte superiore mosaico allegoria dell'Abbondanza
allegoria dell'Abbondanza (decorazione musiva) di Buontalenti Bernardo, Ferrucci Battista di Francesco detto Battista del Tadda (sec. XVI) 
allegoria dell'Abbondanza (decorazione musiva) by Buontalenti Bernardo, Ferrucci Battista di Francesco detto Battista del Tadda (sec. XVI) 
decorazione musiva 
Soggetti profani. Personificazioni: (giovane donna) Abbondanza. Attributi: (Abbondanza) cornucopia; palma; fascina. Decorazioni: festoni; nastri; profilatura; volute; cartelle; mascheroncini 
1587-1587 
0900281373-1 
decorazione musiva 
00281373 
09 
0900281373 
Dal documento del 24 aprile 1585 trascritto di recente da Fara A., si viene a conoscenza che i lavori alla grotta erano ripresi almeno dal 29 agosto 1583. Il 16 gennaio 1584 l'Ammannati vista il credito a Lorenzo del Nerone scalpellino per quattro pilastri di pietra bigia quasi sicuramente da riferire a questa grotta (e non a quella del cortile com 'è stato talora ipotizzato). Benché" le fonti attribuiscano a Buontalenti la completa responsabilità" progettuale dell'ampiiamento, più documenti attestano ancora l'attiva presenza dell'Ammannati. Nella decorazione probabilmente terminata ancora vivente Francesco I, che morì' proprio nel 1587, fu reso omag gio al padre Cosimo, con l'impresa del capricorno marinato, eseguita come le figure, da Giovan Battista del Tadda, quando ormai l'interno della grotta era in fase di completamento. Non essendo ancora stata trascritta la notizia d'archivio segnalata da Heikamp già' dal 1965, non e" possibile sapere se questi realizzo" l'intera decorazione della facciata o si limito" alle sole parti figurate. Il Tadda sostituì" Piero Mati, autore dei rilievi della prima camera, forse allontanatosi da Firenze o morto, o semplicemente rimpiazzato dal Buon talenti che aveva conosciuto il Tadda al tempo dei lavori in Palazzo Vecchio. Lo scultore, discendente dalla nota famiglia di scalpellini fiesolani, aveva eseguito i festoni vegeta li a stucco nel salone dei Cinquecento (1570), e già" nel 1565 aveva preso parte alla decorazione del cortile (Allegri/C ecchi). Si ricorda che Fara (1988) ha trascritto vari documenti relativi alla parte buontalentiana della grotta, alcuni già" segnalati da Heikamp nel 1978 
allegoria dell'Abbondanza 
parte superiore mosaico 
51 H 2 : 46 A 12 2 (MEDICI) 1 : 46 A 12 2 (COSIMO I DE' MEDICI) 
Soggetti profani. Personificazioni: (giovane donna) Abbondanza. Attributi: (Abbondanza) cornucopia; palma; fascina. Decorazioni: festoni; nastri; profilatura; volute; cartelle; mascheroncini 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
allegoria dell'Abbondanza 
cristallo 
porfido 
pasta vitrea/ mosaico 
stucco/ modellatura/ pittura 
spugna 
sassi di fiume/ mosaico 
tessere lapidee/ mosaico 
conchiglia/ mosaico 
malta/ pittura 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here