arcata by Talenti Simone, Lamberti Niccolò di Pietro detto Pela, Ghiberti Lorenzo (sec. XIV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900281522-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

arcata di Talenti Simone, Lamberti Niccolò di Pietro detto Pela, Ghiberti Lorenzo (sec. XIV) 
arcata by Talenti Simone, Lamberti Niccolò di Pietro detto Pela, Ghiberti Lorenzo (sec. XIV) 
arcata 
trifora parzialmente accecata, pilastini con capitelli sormontati da archetti acuti internamente profilati da archi a tutto sesto ed esternamente da ogiva, mostre di finestra ad oculo internamente lobate, mostra di portale, rosone, statuette 
post 1366-ante 1380 
0900281522-0 
arcata 
00281522 
09 
0900281522 
La prima pietra dell’edificio di Orsanmichele fu posta con cerimonia ufficiale il 29 luglio 1337. Le arcate, chiuse dal Talenti a partire dal 1366 quando il loggiato fu trasformato in luogo esclusivamente il culto, furono eseguite dall’artista con elegante gusto tardogotico. Nel 1380 le arcate furono completate, ma, per quanto riguarda il lato occidentale di Orsanmichele, i lavori ripresero nel 1410 (cfr. Quinterio F.) quando si costruirono le due porte di accesso alla chiesa. I lavori per la costruzione delle due mostre di portale furono inizialmente affidati a Niccolò di Piero Lamberti e vi lavorò una numerosa equipe di scalpellini. I documenti citano i nomi di Bertino di Piero, Giovanni di Francesco, Andrea di Pietro, Biagio di Cecchini, Bartolo di Giovannello, Betto d’Antonio da Guardone, Salvi di Giovanni, Giusto di Checco da Settignano, Bruno d’Antonio da Settignano, Antonio Allori, Giusto di Nanni, Jacopo di Corso. Solo nel 1414 compare il nome di Albizo di Piero a cui probabilmente si deve l’esecuzione completa delle due mostre di portale che, come suggerisce il Quinterio, si pongono come un’edicola-baldacchino all’interno di una illusionistica volta a crociera posta su piano. Albizo di Piero lavorava alle mostre di portale del lato ovest, mentre stava eseguendo il tabernacolo di San Giovanni Battista (P33118) sempre ad Orsanmichele. I lavori proseguirono lenti e vengono completati soltanto nel 1417. Secondo il Quinterio esistono analogie con alcuni elementi architettonici impiegati dal Ghiberti nello sfondo di alcune formelle nella porta nord del battistero (ad esempio l’edicola della formella con “L’adorazione dei Magi”). Questo fu supporre al Quinterio l’esistenza di un disegno ghibertiano di riferimento anche per le mostre di portale di Orsanmichele 
n.p 
trifora parzialmente accecata, pilastini con capitelli sormontati da archetti acuti internamente profilati da archi a tutto sesto ed esternamente da ogiva, mostre di finestra ad oculo internamente lobate, mostra di portale, rosone, statuette 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
arcata 
pietra serena/ scultura 
bibliografia specifica: Lorenzo Ghiberti - 1978 
bibliografia specifica: Reymond M - 1904 
bibliografia specifica: Artusi L./ Gabbrielli S - 1973 
bibliografia specifica: Mazzariol G./ Pignatti T - 1977 
bibliografia specifica: Procacci U - 1928 
bibliografia specifica: Wundram M - 1962 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here