storie della vita della Madonna (tempietto) by Andrea di Cione detto Andrea Orcagna (e aiuti) (sec. XIV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900281567-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

tempietto storie della vita della Madonna
storie della vita della Madonna (tempietto) di Andrea di Cione detto Andrea Orcagna (e aiuti) (sec. XIV) 
storie della vita della Madonna (tempietto) by Andrea di Cione detto Andrea Orcagna (e aiuti) (sec. XIV) 
tempietto 
Due gradini, basamento con bassorilievi, pilastri quadrangolari con bassor ilievi, archi a tutto sesto, architrave, timpano, pinnacoli, cupola, statu e sopra gli archi e la cupola; all'interno volta a crociera con costoloni 
post 1352-ante 1359 
0900281567-0 
tempietto 
00281567 
09 
0900281567 
Nel 1294 l'importanza dell'immagine duecentesca della Vergine del pilastro di Orsanmichele (vedi scheda n. 33095) divenne tale che essa fu coperta e secondo alcuni fu protetta da una struttura lignea. Durante la ricostruzi one della loggia distrutta dall'incendio del 1304, la "Compagnia della Nos tra Donna Sancta Maria e del Beato Messer San Michele" fece rifare a Berna rdo Daddi la tavola (1347), mentre soltanto nel 1349 ci furono i fondi per il complesso tabernacolo architettonico che fu iniziato nel 1352 e finito verso il 1359. Alla base del rilievo con la "Morte e Assunzione di Maria" l'iscrìzione riporta la data 1359 e il nome di Andrea di Cione, progettat ore del tempietto. Esso fu eseguito, forse sul luogo dell'antico pilastro, quando la loggia era ancora aperta così che la lucentezza dei colori era messa in massima evidenza dalla luce esterna, diversamente dalla situazion e attuale di forte penombra. La Padoa Rizzo fa notare che l'opera era stat a concepita in un primissimo momento per essere fatta in argento, poi per ragioni di sicurezza fu eseguita in marmo, con l'intento però di uguagliar e in bellezza e splendore un'opera di oreficeria. Orcagna creò una struttu ra architettonica monumentale che si differenzia molto dai cibori arnolfia ni a cui si ispira. Secondo Rash Fabbri e Rutenburg alcune parti della str uttura e della decorazione del tabernacolo furono direttamente influenzate dalla tavola del Daddì per la quale fu eretto. Anche la presenza della cu pola è messa in relazione dalle due studiose americane con 1'importanza de ll'immagine della Vergine di Orsanmichele per la citta' di Firenze, pari a quella della cattedrale, alla quale anche Orcagna lavorò proprio in quest i anni. I rilievi costituiscono la più importante opera in scultura del Tr ecento fiorentino e illustrano le Storie della Vergine, tra profeti, apost oli e angeli. I riquadri con le storie, alternati alle figure delle Virtù Teologali, con le quali intendono collegarsi concettualmente, iniziano la narrazione nel lato nord; le statue dei dodici apostoli reggenti i versett i del Credo iniziano con S. Pietro, posto sul pilastro destro del lato ove st; gli arcangeli posti sulla cupola fanno da coronamento. Dal punto dì vi sta iconografico Rash Fabbri e Rutenburg confutano la teoria del Meiss sul riferimento del ciclo ai temi del Giudizio Finale legati alla Peste Nera del 1348 e ne evidenziano invece le caratteristiche di umanità e lo spirit o di conforto. Tutta la critica è concorde sulla stretta relazione delle s torie con il ciclo pittorico della cappella Baroncelli in S. Croce dì Tadd eo Gaddi (1328 ca.), a cui sembrano ispirarsi anche per i caratteri stilis tici; il Gronau vi vede pero', rispetto agli affreschi, uno stile più' pop olare, mentre secondo il Meiss è visìbile in esse la ripresa di modi arcai zzanti legati ai cambiamenti dell'espressione artistica adopo l'esperienza della peste. Il rapporto con la pittura sembra avvalorato anche dall'iscr izione stessa dove l'Orcagna si autodefinisce "pictor" secondo la cultura trecentesca che non estremizzava la distinzione tra le arti. Lo scultore e seguì figure monumentali, avvolte da ampi panneggi e collocate in un'ambie ntazione spaziale nuova rispetto ai precedenti fiorentini di Andrea Pisano : i personaggi riempiono completamente lo spazio degli esagoni ponendosi i n strutture architettoniche rese illusionisticamente profonde con accorgim enti particolari come l'apertura di finestre sullo sfondo, la disposizione di drappeggi in primo piano, la collocazione di elementi su piani digrada nti. Il problema della partecipazione dell'Orcagna nell'esecuzione dei sin goli rilievi e della presenza dei collaboratori è stato molto dibattuto ed è ancora oggi in discussione, in attesa che si compiano ricerche più' app rofondite. Per Ghiberti sono di Andrea solo le scene con la Vita di Maria, mentre il Vasari attribuisce a lui e al fratello Jacopo tutte le parti fi gurative. La critica recente ha smentito però la partecipazione di Jacopo perche' ricordato dalle fonti solo come pittore. La Steinweg attribuisce a d Andrea la "Morte di Maria", 1' "Annunciazione" e lo "Sposalizio", consid erando il resto opera di bottega. Il Toesca critica l'impostazione del tab ernacolo come non coerente, e ne salva solo i rilievi, tutti derivati, sec ondo lo studioso, da disegni del maestro: di media qualità la "Natività di Maria" e l' "Annuncio della Morte" legati alla pittura giottesca, mentre i migliori sono ritenuti quelli privi di ambientazione spaziale, come 1' " Annunciazione", l' "Assun zione", la Giustizia e la Mansuetudine. Egli rit iene inoltre che fra i molti aiuti della bottega, ci fosse il fratello Mat teo, "scultore non molto perfetto" (Ghiberti) che lo accompagnò ad Orvieto nel 1359. Questo nome non è però preso in considerazione dal resto della critica. Il recente studio della Padoa Rizzo, infine, pur non potendo appr ofondire l'argomento, individua tre fasi dell' esecuzione del tabernacolo 
storie della vita della Madonna 
73 A (Maria) 
Due gradini, basamento con bassorilievi, pilastri quadrangolari con bassor ilievi, archi a tutto sesto, architrave, timpano, pinnacoli, cupola, statu e sopra gli archi e la cupola; all'interno volta a crociera con costoloni 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
storie della vita della Madonna 
bronzo/ fusione 
vetro/ colorazione 
marmo bianco di Carrara/ scultura/ intarsio 
marmo nero/ scultura/ intarsio 
tessere lapidee/ mosaico 
marmo rosso di Monsummano/ scultura/ intarsio 
bibliografia specifica: Gaye G - 1840 
bibliografia specifica: Toesca P - 1951 
bibliografia specifica: Meiss M - 1951 
bibliografia specifica: Vasari G - 1878-1885 
bibliografia specifica: Kirchen Florenz - 1940-1954 
bibliografia specifica: Museo Opera - 1969 
bibliografia specifica: Franceschini P - 1892 
bibliografia specifica: Poggi G - 1895 
bibliografia specifica: Offner R - 1930 
bibliografia specifica: Offner R - 1962 
bibliografia specifica: Padoa Rizzo A - 1981 
bibliografia specifica: Steinweg K - 1929 
bibliografia specifica: Cocchi A - 1903 
bibliografia specifica: Gronau H.D - 1937 
bibliografia specifica: Rash-Fabbri N./ Rutenburg N - 1981 
bibliografia specifica: Davidsohn R - 1896-1908 
bibliografia specifica: Gravina G. V - 1940 
bibliografia specifica: La Sorsa S - 1902 
bibliografia specifica: Surigny A. de - 1869 
bibliografia specifica: Valentiner W. R - 1949 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here