decorazione plastica by Vasari Giorgio, Sandro di Bernardino del Laso, Michele di Gherardo - bottega fiorentina (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900289205 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

decorazione plastica
decorazione plastica by Vasari Giorgio, Sandro di Bernardino del Laso, Michele di Gherardo - bottega fiorentina (sec. XVI) 
decorazione plastica di Vasari Giorgio, Sandro di Bernardino del Laso, Michele di Gherardo - bottega fiorentina (sec. XVI) 
decorazione plastica 
Nicchie laterali, colonne, architrave, terminazione lunetta. Decorazioni: modanature 
1556-1560 
0900289205 
decorazione plastica 
00289205 
09 
0900289205 
L'ideazione vasariana della grotta, su cui e' stata posta da Zangheri una breve anche ma importante attenzione al recente convegno 'Boboli 90', e' ricordata dallo stesso artista neIla vita del Bandinelli. I documenti segnalati da Gurrieri/C hatfield e da Heikamp (1978), senza trascrizione e ora riletti da Zangheri, ricordano che Vasari affido" a Sandro di Ber nardino del Laso l'esecuzione delle colonne di marmo bianco e rosso, consegnate il 2 dicembre 1559, e "date a cottimo a Michele di Gherardo". E' possibile che l'ampia apertura lunettata facesse parte di questa fase dei lavori, su cui poi il Buontalenti innesto" l'ampliamento del 1583. Quasi certamente anche nel progetto vasariano vi saranno state decorazioni rustiche, presenti anche nella seconda camera, la sola non rimossa di questo primo intervento, di cui Vasari ci informa sulla realizzazione tecnica nell'introduzione alle Vite del 1568. I modelli restano i ninfei di età" romana, ricordati anche dall'Alberti, di cui un esempio rinascimentale resta i 1 bellissimo ambiente di villa Giulia creato dall'Ammannati prima del 1555. Vasari ricorda questa grotta come 'vivaio', differenziandola dall'appena precedente Grotticina di Madama . Non e" chiaro invece il ruolo dell'Ammannati nei lavori di questa grotta: l'artista infatti fino al 1564 diresse i lavori del cortile e del giardino. I semplici capitelli e la di cromia dei marmi lasciano sospettare il suo intervento. Inoltre dal 1560 Buontalenti era già" presente ai lavori accanto ali'Ammannati, vistando delle forniture (Zangheri). Nota gi ustamenti Gurrieri che Buontalenti riutilizzerà" l'apertura a loggia a tre spazi nella facciata di Forte Belvedere 
Nicchie laterali, colonne, architrave, terminazione lunetta. Decorazioni: modanature 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
decorazione plastica 
marmo/ scultura 
pietra/ scultura 
bibliografia specifica: Vasari G - 1878-1885 
bibliografia specifica: Bocchi F./ Cinelli Calvoli G - 1677 
bibliografia specifica: Heikamp D - 1964 
bibliografia specifica: Gurrieri F./ Chatfield J - 1972 
bibliografia specifica: Caneva C - 1982 
bibliografia specifica: Gurrieri F - 1980 
bibliografia specifica: Heikamp D - 1965 
bibliografia specifica: Heikamp D - 1978 
bibliografia specifica: Heikamp D - 1985 
bibliografia di confronto: Battisti E - 1985 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here