colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900292460 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX) 
colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX) 
colletto 
Il davanti d'abito da neonato è costituito da una parte centrale con punta allungata a stondata, cui sono attaccate due alucce che costituiscono le spalle dell'abito. Il davantino è eseguito a crochet con un motivo di file geometriche parallele, internamente decorate da una greca geometricaa doppia croce trasversale. L'esemplare è bordato da punte di rifinitura stondate 
1900-1910 
0900292460 
colletto 
00292460 
09 
0900292460 
Il crochet o uncinetto indica un tipo di lavoro eseguito con un apposito ago uncinato, diffuso nel XIX secolo in Irlanda (Guipure irlandese), e fatto conoscere in Italia grazie alla lavorazioni importate sul lago Trasimeno dalla marchesa Guglielmi. Il lavoro facile nell'esecuzione si diffuse rapidamente in Italia e grazie ai disegni forniti dalle riviste dedicate al ricamo poteva essere lavorato a casa senza nessuna difficoltà. La consistenza ricordava l'effetto di alcuni tipi di merletti e la tecnica permetteva il recupero di motivi geometrici legati alla tradizione del ricamo, ma anche di quelli floreali, provenienti dai riferimenti alle "Rose d'Irlanda" della Guipure. Si ritiene che l'esemplare sia di esecuzione casalinga per una veste lunga da neonato, collocabile agli inizi del XX secolo (Eleganza civetterie) 
Il davanti d'abito da neonato è costituito da una parte centrale con punta allungata a stondata, cui sono attaccate due alucce che costituiscono le spalle dell'abito. Il davantino è eseguito a crochet con un motivo di file geometriche parallele, internamente decorate da una greca geometricaa doppia croce trasversale. L'esemplare è bordato da punte di rifinitura stondate 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
colletto 
filo di cotone/ lavorazione a uncinetto 
bibliografia di confronto: Eleganza civetterie - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here