cuffia da neonato - manifattura italiana (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900292501 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

cuffia da neonato
cuffia da neonato - manifattura italiana (sec. XIX) 
cuffia da neonato - manifattura italiana (sec. XIX) 
cuffia da neonato 
La cuffia in raso ha la calotta divisa in strisce decorate in modo da ribadire la rotondità, con un santache applicato in posizione verticale. E' chiusa da un ricamo azzurro che rifinisce la cuffia nel perimetro esterno anche sul retro. Il bordo esterno è costituito da tulle e finiture di merletti a fuselli disposti in tre strati a costruire una ricca galetta culminante al centro della cuffia; è chiusa da nastri azzurri di 27 cm 
1875-1885 
0900292501 
cuffia da neonato 
00292501 
09 
0900292501 
La scelta del colore bianco per gli accessori infantili per tutto l'Ottocento è concentrata sul bianco ma già nel 1881 (Eleganza, a. III n. 21 1 ottobre 1881) si parla di una "deliziosa sinfonia di rosa, di bianco e di azzurro pallido, le tre tinte servate alle bellezze delle nostre creaturine". A quella data riporta anche la forma e "le conchiglie di tulle adorne di ciocche in nastro di raso bianco. Nodo e briglie dello stesso raso (Album dei lavori e ricami, 1aprile 1887). L'utilizzo della rifinitura in pizzo e l'accurata esecuzione indicano un indumento abbastanza elegante, che poteva essere usato per battesimi o per passeggio 
La cuffia in raso ha la calotta divisa in strisce decorate in modo da ribadire la rotondità, con un santache applicato in posizione verticale. E' chiusa da un ricamo azzurro che rifinisce la cuffia nel perimetro esterno anche sul retro. Il bordo esterno è costituito da tulle e finiture di merletti a fuselli disposti in tre strati a costruire una ricca galetta culminante al centro della cuffia; è chiusa da nastri azzurri di 27 cm 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
cuffia da neonato 
seta/ raso/ ricamo 
bibliografia di confronto: Eleganza civetterie - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here