San Giovanni Evangelista (dipinto) by Carucci Jacopo detto Pontormo (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900293223-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto San Giovanni Evangelista
San Giovanni Evangelista (dipinto) by Carucci Jacopo detto Pontormo (sec. XVI) 
San Giovanni Evangelista (dipinto) di Carucci Jacopo detto Pontormo (sec. XVI) 
dipinto 
Soggetti sacri. Personaggi: San Giovanni Evangelista. Figure: putto alato. Abbigliamento: all'antica. Attributi: (Giovanni) aquila; libro. Oggetti: penna 
1514-1514 
0900293223-0 
dipinto 
00293223 
09 
0900293223 
I pannelli qui presi in esame facevano parte del Carro della Moneta che secondo le citazioni del Vasari Pontormo dipinse "per i maestri della Zecca". Esso veniva portato in processione per la festa di San Giovanni Battista fino al 1810, anno in cui fu smembrato. Proprio all'uso frequente e all'esposizione alle intemperie si devono lo stato di deterioramento e le estese ridipinture. nel corso dei secoli il Carro, che nella sua forma originaria era stato costruito da Marco del Tasso, dovette subire degli ampliamenti e delle sostituzioni come dimostrano i pannelli raffiguranti 'scene della vita del Battista' di evidente matrice seicentesca e un pannello con putti da riferire addirittura al Settecento. Alcune tavolette con putti che giocano, quelle con i Santi Zanobi, Giovanni Evangelista, Giovanni Battista, Matteo e le due con il 'Battesimo' e la 'Visitazione', nonostante le pesanti ridipinture che ne sfigurano completamente l'oroginario valore pittorico, denotano la sottile sensibilita' pontormesca. Il Clapp riferisce i dipinti al 1515, la critica successiva al 1514, basandosi sull'analisi di disegni preparatori e sulla sequenzaq delle opere del Pontormo secondo la progressione datane dal Vasari. Datare un' opera tanto ridipinta ad annum, in mancanza di una documentazione, ci sembra quantomeno un po' azzardato; si tratta comunque di dipinti che evidenziano le tangenze stilistiche con le altre prove pontormesche giovanili, nelle quali l'artista si mostra ancora legato alla cultura figurativa precedente. Nella tavola alcuni studiosi vedono una ripresa della scultura donatelliana, in particolare si nota un'ispirazione dall'Abramo e Isacco oggi al Museo dell'Opera 
San Giovanni Evangelista 
Soggetti sacri. Personaggi: San Giovanni Evangelista. Figure: putto alato. Abbigliamento: all'antica. Attributi: (Giovanni) aquila; libro. Oggetti: penna 
Firenze (FI) 
propriet√† Ente pubblico territoriale 
San Giovanni Evangelista 
tavola/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Berti L - 1973 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here