Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena (rilievo) - produzione toscana (fine sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900293407 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

rilievo Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena
Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena (rilievo) - produzione toscana (fine sec. XVI) 
Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena (rilievo) - produzione toscana (fine sec. XVI) 
rilievo 
Arme inserita in una cornice con volute, scaglie e mascherone grottesco esormontata dalla corona granducale toscana 
ca 1590-ca 1590 
0900293407 
rilievo 
00293407 
09 
0900293407 
Ferdinando e Cristina si erano sposati nel 1589. In questa che è la loro arme matrimoniale si distinguono i seguenti quarti: Medici; Ungheria; Angiò; Gerusalemme; Aragona; Gheldria; Julich; Barbs; Lorena, Francia. Lo stemma recante quest'arme matrimoniale appare già nella lunetta dell'Utens con la Petraia. Secondo le fonti documentarie citate da F. Chiostri (1972) la villa sarebbe entrata a far parte delle possessioni dei Medici dopo il loro ritorno a Firenze, nel 1530: Cosimo I l'avrebbe quindi donata al figlio Ferdinando (successo al figlio Francesco), il 24 luglio 1568. Un altro stemma della casa Medici-lorena, in pietre dure e tenere intarsiate su fondo di marmo, si trova nel museo dell'Opificio delle Pietre Dure (inv. 1905 n. 262) ed un altro ancora, in pietra, si trova nella stessa villa della Petraia (OA 0900293391). Questa villa infatti fu fesidenza estiva di ferdinando e di Cristina 
Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena 
n.p 
Arme inserita in una cornice con volute, scaglie e mascherone grottesco esormontata dalla corona granducale toscana 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
Stemma di Ferdinando I de'Medici e di Cristina di Lorena 
marmo bianco di Carrara/ scultura 
bibliografia di confronto: Grassellini E./ Fracassini A - 1982 
bibliografia di confronto: Chiostri F - 1972 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here