dipinto, complesso decorativo by Benini C (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900304089 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, complesso decorativo
dipinto, complesso decorativo di Benini C (sec. XIX) 
dipinto, complesso decorativo by Benini C (sec. XIX) 
dipinto (complesso decorativo) 
Il ciclo decorativo si estende sulle due pareti laterali della cappella intorno ai ritratti dei defunti, sulla parete di fondo e sulla volta del soffitto. Motivi decorativi, araldici e simbolici nelle tonalità del marrone, viola, azzurro e oro 
1895-1895 
0900304089 
dipinto 
00304089 
09 
0900304089 
La decorazione pittorica commissionata dalla famiglia Tortoli Romanelli in seguito alla morte di Ottavio Tortoli nel 1893 (scheda OA n. 0900304085) viene firmata dall'artista C. Benini del quale non ho trovato notizie né nei repertori di pittura dell'Ottocento (Franchi, 1902; Callari, 1909; Lavagnino, 1956; ecc.) né sui contemporanei cataloghi di esposizione, né negli Atti del Collegio degli Accademici della Reale Accademia di Belle Arti di Firenze. Si tratta di una decorazione a motivi vegetali, allegorici (simbolo della Trinità),figurati (cherubini) e araldici (stemmi delle famiglie) che ben si inserisce nell'ambito dei numerosi interventi di arredo pittorico che vengono a completare tra la seconda metà dell'Ottocento e i primi anni del Novecento restauri o costruzioni di edifici architettonici in stile. In area fiorentina e senese abbiamo infatti una vera e propria rivisitazione dei gloriosi modelli medievali e rinascimentali in tutti i settori delle arti, dalla pittura ai mobili, dalla scultura alla ceramica, con lo scopo di rievocare con un linguaggio moderno la felice e passata tradizione artistica locale. Nel passaggio fra Romanticismo e Liberty, fra pittura di storia e sigle Art Nouveau abbiamo dunque nella pittura e in particolar modo nelle imprese decorative in edifici pubblici e privati un continuo attingere dal passato di motivi, stilemi,soggetti che vengono riproposti in un fantastico eclettismo che riscuoteva tra i contemporanei grande successo. In questo caso il pittore si ispira a modelli decorativi rinascimentali dove racemi a volute, stemmi, cornici a spirali e a ovuli, esedre e nastri con palmette si combinano entro riquadri e cornici con grande fantasia. Al centro della volta stellata una cornice tipicamente robbiana con festone di foglie e frutti racchiude una valva di conchiglia circolare con il triangolo e l'occhio della Trinità, simbolo che la famiglia fa cesellare anche nella base dei candelieri e della croce d'altare assai frequente nelle cappelle sepolcrali (cfr. al Cimitero delle Porte Sante cappelle Caetani Della Fargna (scheda OA n. 0900304109). Questo tipo di decorazione pittorica con grottesche, motivi vegetali e qualche allegoria si ritrova in molti palazzi pubblici e privati di Siena dove lavorarono con inesauribile fantasia e squisito gusto i pittori Giorgio Bandini e Gaetano Brunacci (cfr. Fargnoli N., La decorazione a Siena fra Ottocento e Novecento, in Siena tra Purismo e Liberty cat. a cura di B. Sani, Mondadori-De Luca, Milano-Roma, 1988, pp. 175-185). A Firenze fra i pittori fiorentini più ricercati per decorazioni pittoriche in stile troviamo Gaetano Bianchi, Carlo Brazzini, Ezio Marzi, Augusto Burchi, Giulio Bargellini e naturalmente Galileo Chini che poi aprirà la strada al Liberty toscano (cfr. Gentilini G., Arti applicate, tradizione artistica fiorentina e committenti stranieri, in L'idea di Firenze, a cura di M. Bossi/ L. Tonini, Centro Di, Firenze, 1989, pp. 155-176; Baldry F., John Temple Leader e il castello di Vincigliata: un episodio di restauro e di collezionismo nella Firenze di secondo Ottocento, Tesi in museografia, Università di Firenze, A.acc. 1992-93) 
48 A 98 3:11 G 19 11:11 C 11 
Il ciclo decorativo si estende sulle due pareti laterali della cappella intorno ai ritratti dei defunti, sulla parete di fondo e sulla volta del soffitto. Motivi decorativi, araldici e simbolici nelle tonalità del marrone, viola, azzurro e oro 
Firenze (FI) 
detenzione Ente pubblico territoriale 
dipinto 
stucco 
intonaco/ pittura a tempera 
bibliografia di confronto: Pittura Italia - 1991 
bibliografia di confronto: Castelletto Saleggio - s.d 
bibliografia di confronto: Callari L - 1909 
bibliografia di confronto: Franchi R - 1925 
bibliografia di confronto: Beduschi M - 1903 
bibliografia di confronto: Firenze oggi - 1896 
bibliografia di confronto: Lavagnino E - 1956 
bibliografia di confronto: Pittura Italia - 1992 
bibliografia di confronto: Somaré E - 1944 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here