stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli (decorazione plastica) by Parigi Giulio, Merlini Cosimo, Ricci Stefano, Scheggi Vincenzo (sec. XVII, sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900441990 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

decorazione plastica stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli
stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli (decorazione plastica) di Parigi Giulio, Merlini Cosimo, Ricci Stefano, Scheggi Vincenzo (sec. XVII, sec. XIX) 
stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli (decorazione plastica) by Parigi Giulio, Merlini Cosimo, Ricci Stefano, Scheggi Vincenzo (sec. XVII, sec. XIX) 
decorazione plastica 
decorazione a rilievo 
1816-1816 
1624-1624 
0900441990 
decorazione plastica 
00441990 
09 
0900441990 
Quasi tutta la decorazione d'argento della cappella e che incornicia l'affresco, ha subito nei secoli restauri e rifacimenti. La cortina che simulaun tendaggio di stoffa finissima, fu ideata da Giulio Parigi ed eseguita da Cosimo Merlini nel 1624. Come testimonia l'iscrizione, l'opera fu donatada Don Lorenzo dei Medici; l'iscrizione però riporta un'errore nella datazione (errore del millesimo, in quanto il principe Lorenzo nel LXIIII eragià morto da quindici anni), l'errore è dovuto al fatto che i caratteri non sono incisi ma applicati: quando alcune lettere furono restaurate perchècadute o perdute, una X veniva rifatta erroneamente come una L. I due angeli che in alto sorreggono la corona furono realizzati nel 1816 dallo scultore Stefano Ricci e dall'argentiere Vincenzo Scheggi 
stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli 
decorazione a rilievo 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
stemma gentilizio della famiglia Medici e angeli 
argento/ fusione/ sbalzo/ cesellatura/ incisione/ doratura 
bibliografia specifica: Kirchen Florenz - 1940-1954 
bibliografia specifica: Tonini P - 1876 
bibliografia specifica: Petrucci F - 1992 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here