giraletto - manifattura toscana (?) (prima metà sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900644353 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

giraletto
giraletto - manifattura toscana (?) (prima metà sec. XX) 
giraletto - manifattura toscana (?) (prima metà sec. XX) 
giraletto 
La striscia di lino ha forma lunga e stretta e nella parte inferiore un'ampia balza di buratto, ricamato a punto tela e rammendo. La balza è divisa in riquadri, regolarmente alternati e scanditi da una sottile greca geometrica verticale. Il primo presenta l'aquila sormontata da corona e con quattro cervi agli angoli, segue un motivo a losanga riempito di decori geometrici e con figure di cervi e pavoni disposti ai quattro angoli, si ripete l'aquila seguita da un riquadro con una figura femminile centrale con intorno tre fanciulle di dimensioni più piccole, mentre figure stilizzate di uccelli animali e motivi vegetali riempiono la rete di fondo. Si ripete il riquadro con losanga e segue quella con un aquila bicipite ad ali spiegate, sormontata da corona, anch'essa circondata da due cervi disposti nella parte superiore e motivi vegetali stilizzati tutt' intorno. Questa è seguita dal riquadro ripetuto con la figura femminile. La composizione chiude con il riquadro contenente l'aquila. Il disegno è delimitato in alto e in basso da strisce, che fungono da bordo, ricavate dalla stessa tela e decorate da cervi e pavoni alternati, disposti di profilo in sequenza regolare Il bordo esterno è rifinito da frange applicate alla tela 
ca 1900-ca 1949 
0900644353 
giraletto 
00644353 
09 
0900644353 
Il Buratto, lavoro di origine paesana e domestica, prendeva il nome da una specie di garza, dal latino Bura, anticamente usata per i formaggi e i cereali (M Risselin Steenebrugen, Les dentelles italiennes aux musée s Royaux d'art et d'histoire, Bruxelles, 1973, p. 61) ed era eseguito in tutta la penisola e in particolare in Sicilia, dove si faceva anche in sete policrome. Il lavoro era simile a quello del filet, ma la rete di fondo non era annodata, ma tessuta. La diffusione del lavoro è testimoniata dalla pubblicazione, nel 1530, di uno specifico libro di modelli di Alessandro Paganino, Il Burato libro dei ricami, nel quali erano testimoniati numerosi disegni geometri e figurati, che hanno continuato ad essere realizzati anche nei secoli successivi. Ampia fu la ripresa di questo lavoro nel clima storicistico otto-novecentesco, allorché sorsero aree produttive in Toscana (La tradizione del Buratto all'Antella, Firenze, 1989) e in Brianza, in particolare a Canonica ( Le industrie Femminili, Milano 1905, p. 36). L'esemplare presenta un cartellino con il numero 6955, simile a quello dei manufatti provenienti dalla Manifattura fiorentina Francesco Navone, fatto che con maggior probabilità indicherebbe una provenienza toscana 
n.p 
La striscia di lino ha forma lunga e stretta e nella parte inferiore un'ampia balza di buratto, ricamato a punto tela e rammendo. La balza è divisa in riquadri, regolarmente alternati e scanditi da una sottile greca geometrica verticale. Il primo presenta l'aquila sormontata da corona e con quattro cervi agli angoli, segue un motivo a losanga riempito di decori geometrici e con figure di cervi e pavoni disposti ai quattro angoli, si ripete l'aquila seguita da un riquadro con una figura femminile centrale con intorno tre fanciulle di dimensioni più piccole, mentre figure stilizzate di uccelli animali e motivi vegetali riempiono la rete di fondo. Si ripete il riquadro con losanga e segue quella con un aquila bicipite ad ali spiegate, sormontata da corona, anch'essa circondata da due cervi disposti nella parte superiore e motivi vegetali stilizzati tutt' intorno. Questa è seguita dal riquadro ripetuto con la figura femminile. La composizione chiude con il riquadro contenente l'aquila. Il disegno è delimitato in alto e in basso da strisce, che fungono da bordo, ricavate dalla stessa tela e decorate da cervi e pavoni alternati, disposti di profilo in sequenza regolare Il bordo esterno è rifinito da frange applicate alla tela 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
giraletto 
filo di lino/ lavorazione a buratto 
tela di lino/ ricamo in cotone 
bibliografia di confronto: Risselin Steenebrugen M - 1973 
bibliografia di confronto: Tradizione Buratto - 1989 
bibliografia di confronto: Industrie femminili - 1906 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here