balza - manifattura di Valenciennes (primo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900644380 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza - manifattura di Valenciennes (primo quarto sec. XVIII) 
balza - manifattura di Valenciennes (primo quarto sec. XVIII) 
balza 
Il bordo di rifinitura è eseguito a fuselli a filo continuo (lo stesso numero di fuselli dall'inizio alla fine del lavoro). Presenta un disegno ad andamento orizzontale, formato da foglie ondulate, da cui nascono fiori, uno la corolla rivolta verso il basso e l'altro, evidenziato dal fondo traforato, rivolto verso l'alto. Questo motivo si ripete con regolarità, intercalato dal modulo di una cornice sagomata a forma di mandorla allungata, riempita da una griglia quadrangolare. Tra i motivi che si susseguono in un intreccio continuo, appaiono alcune reti di fondo, utilizzate anche come riempitivi dei motivi vegetali, che danno una varietà di trasparenza (reti a Point de Neige, esagonali con quattro fili intrecciati su due lati e due fili intrecciati su quattro, Point d'esprit). Il piedino a fuselli è originario e l'orlo esterno è sagomato dallo svolgersi dei motivi ornamentali 
ca 1700-ca 1724 
0900644380 
balza 
00644380 
09 
0900644380 
La balza è una bella testimonianza della prima produzione di Valenciennes tra il 1715 e 1735, quando sono presenti disegni molto elaborati, resi vari dall'uso di molteplici reti di fondo, usate in alternanza per riempire le parti interne dei decori. Infatti dopo gli anni trenta del Settecento ogni città fiamminga si specializzerà in una tipologia di merletto, caratterizzandosi anche per i modi differenziati di eseguire la rete di fondo, sempre più importante rispetto al disegno. Il gusto è quello naturalistico che si impone dal II decennio del secolo, impaginato molto spesso in nastri ondulati abbinati a 'cartouches' di Stile Rococò. Il filato di lino, tipicamente fiammingo per la sua straordinaria leggerezza, non impediva la realizzazione di un merletto solido, che risultava essere tra i più costosi e richiesti all'interno della produzione contemporanea europea 
n.p 
Il bordo di rifinitura è eseguito a fuselli a filo continuo (lo stesso numero di fuselli dall'inizio alla fine del lavoro). Presenta un disegno ad andamento orizzontale, formato da foglie ondulate, da cui nascono fiori, uno la corolla rivolta verso il basso e l'altro, evidenziato dal fondo traforato, rivolto verso l'alto. Questo motivo si ripete con regolarità, intercalato dal modulo di una cornice sagomata a forma di mandorla allungata, riempita da una griglia quadrangolare. Tra i motivi che si susseguono in un intreccio continuo, appaiono alcune reti di fondo, utilizzate anche come riempitivi dei motivi vegetali, che danno una varietà di trasparenza (reti a Point de Neige, esagonali con quattro fili intrecciati su due lati e due fili intrecciati su quattro, Point d'esprit). Il piedino a fuselli è originario e l'orlo esterno è sagomato dallo svolgersi dei motivi ornamentali 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ lavorazione a fuselli 
bibliografia specifica: Merletti Palazzo - 1981 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here