paesaggio con animali e Orfeo (dipinto) by Gryeff Adriaen de (fine/ inizio secc. XVII/ XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900645956 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto paesaggio con animali e Orfeo
paesaggio con animali e Orfeo (dipinto) di Gryeff Adriaen de (fine/ inizio secc. XVII/ XVIII) 
paesaggio con animali e Orfeo (dipinto) by Gryeff Adriaen de (fine/ inizio secc. XVII/ XVIII) 
ca 1690-ca 1710 
n.r 
dipinto 
Martelli 125 
00645956 
09 
0900645956 
Il n. 125 è una rappresentazione in chiave insolita del mito di Orfeo, solitamente associato ad una visione dolente del canto e della poesia come consolazione alle umane sventure, e perciò rigorosamente ancorato ai canoni della classicità: giovane, di belle fattezze, abbigliato all'antica, composto e ispirato. Qui invece egli appare vestito con giubbone, camicia e pantaloni, e la sola concessione all'antico pare il drappeggio che gli copre le spalle. Ancora più insolito è il berretto piatto che reca in testa, e che somiglia assai più al berretto di un pittore tardo seicentesco: si tratta forse di una traduzione molto concreta, curiosa ed anche ironica del parallelo oraziano 'ut pictura poesis'? Anche la sua posa, che pare seguire un ritmo troppo danzante, non è del tutto ortodossa, mentre gli animali intorno paiono blandamente interessati alla performance. Il solo che si volge come verso un acuto richiamo pare il pavone, mentre nello stagno cigni, anatre ed altri uccelli sguazzano tranquilli; sull'albero i pappagalli e gli altri volatili (che richiamano intensamente le Allegorie dell'Aria di Jan II Brueghel e di Jan II van Kessel) accompagnano la scena con conspevole presenza. Tori e arieti dalle temibili corna sembrano invero ammansiti, ma appena più in là un lupo in atto di azzannare una pecora non pare colpito più di quel tanto dal poetico lamento del divino cantore. Sul fondo, la corsa di un cervo e le figure di un gruppo di cavalli completano la scena. Il dipinto pare da attribuire alla stessa mano che ha eseguito il n. 119, che gli fa da pendant nella Galleria Martelli, il pittore Adriaen de Gryeff, figlio del pittore olandese Jacob de Claeuw ma attivo prevalentemente nelle Fiandre, dove è testimoniato come mercante di quadri a Gand e ad Anversa (1687), poi come membro della corporazione degli artisti in quella città (1699) e infine a Bruxelles (B.J.A. Reneckens, 'Jacques de Claeuw en Adriaen de Gryeff, vader en zoon', Kunsthistorische Mededelingen van het Rijksbureau voor Kunsthistorische Documentatie 4 (1949), 1-2, pp. 7-14). Il soggetto è insolito nella produzione del pittore, famoso più che altro per le sue nature morte di cacciagione all'aperto, che risentono dello stile di Jan Fyt (1611-1661), ma anche in senso lato della vivacità rappresentativa di David Teniers II (1610-1690) ( E. Greindl, Les Peintres Flamands de Nature Morte, Bruxelles 1959, p.88). Pare interessante la ripresa in epoca tardo seicentesca, o perfino protosettecentesca, di temi e modi rappresentativi diffusi nella prima metà del Seicento. Il classicismo che permeava il panorama artistico tra Fiandre ed Olanda alla fine del Seicento, dovette giungere anche a questo pittore di genere, sia pure in una versione curiosamente deformata, e per ciò stesso particolarmente frizzante e curiosa. Sul dipinto si veda Huys Jansen P./ Squellati Brizio P., Repertory of the Dutch and Flemish Paintings in Italian Public Collections. Tuscany in corso di stampa 
25F36 : 25F32 
paesaggio con animali e Orfeo 
n.r 
paesaggio con animali e Orfeo 
Firenze (FI) 
0900645956 
dipinto 
proprietà Stato 
tavola/ pittura a olio 
bibliografia di confronto: Greindl E - 1956 
bibliografia di confronto: Renechens B.J.A - 1949 
bibliografia di confronto: Müllenmeister K.J - 1978-1981 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here