campionario - manifattura italiana (secc. XIX/ XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900745913 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

campionario
campionario - manifattura italiana (secc. XIX/ XX) 
campionario - manifattura italiana (secc. XIX/ XX) 
campionario 
Pagina di campionario con 2 esemplari tessili di varia dimensione indicati in ordine alfabetico dall'alto in basso; A Balza di lino a fuselli con fondo a maglie quadrate costruite con l'incrocio di due fili e motivo a punto tela delimitato da filo di traccia (19 x 42) presenta un decoro di due nastri vegetali ondulati, disposti in orizzontale, che nei punti di tangenza sono uniti da una corolla,tutti i motivi sono contornati da un filo di traccia; disegno ben visibile su un consistente fondo a maglie quadrate con due fili per lato; bordo esterno creato da una successione regolare di forme stilizzate e semicircolari, che vanno a formare la merlatura esterna; B Merletto di lino a fuselli con rete di fondo semplice a maglie esagonali creata dall'intreccio di soli due fili e mortivi applicati, passando tra le maglie due fili (10x 17): presenta all'estremità inferiore un motivo di sottili rametti con foglie che si alternano ad un fiore, ugualmente disposto trasversalmente ma rivolto verso il basso; il resto della rete a maglie esagonali è decorata da file parallele e sfalsate di sottili rami con due foglie 
1800-1925 
0900745913 
campionario 
00745913 
09 
0900745913 
L'esemplare A testimonia una produzione ottocentesca di un merletto avvicinabile alla tipologia Blonde per il modo di eseguire il punto tela e di contornare i motivi, utilizzando un fondo non tipico delle leggere blonde ma ispirato alle maglie quadrate di Valenciennes. Rappresenta una produzione dei centri della Normandia quali Caen o Bayeux che molto lavorarono nel XIX secolo,m sui spirandosi a disegni settecenteschi e cercando soluzioni tecniche economiche e veloci. B- L'esemplare si ispira ai merletti ad ago di Alencon ma è eseguito a fuselli ed indica una semplificazione tecnica straordinarioa perché i motivi decorativi sono ottenuti solo con il passaggio di filo tra le maglie. Il disegno è quello caratteristico per i merletti ad ago di Alencon Argentan del Luigi XVI, allorché l'elemento naturalistico che era stato caratteristico nei decenni precedenti, diminuisce di proporzioni e si fa estremamente stilizzato. La disposizione del decoro lungo l'orlo inferiore e la disposizione simmetrica dei sottili decori resterà in auge durante il I Impero, ma sarà ripresa nella produzione ottocentesca a nche del III e IV quarto del secolo. Ambedue gli esemplari documentano nel campionario della Ditta Marilla, una produzione economica e corrente del secolo XIX 
n.p 
Pagina di campionario con 2 esemplari tessili di varia dimensione indicati in ordine alfabetico dall'alto in basso; A Balza di lino a fuselli con fondo a maglie quadrate costruite con l'incrocio di due fili e motivo a punto tela delimitato da filo di traccia (19 x 42) presenta un decoro di due nastri vegetali ondulati, disposti in orizzontale, che nei punti di tangenza sono uniti da una corolla,tutti i motivi sono contornati da un filo di traccia; disegno ben visibile su un consistente fondo a maglie quadrate con due fili per lato; bordo esterno creato da una successione regolare di forme stilizzate e semicircolari, che vanno a formare la merlatura esterna; B Merletto di lino a fuselli con rete di fondo semplice a maglie esagonali creata dall'intreccio di soli due fili e mortivi applicati, passando tra le maglie due fili (10x 17): presenta all'estremità inferiore un motivo di sottili rametti con foglie che si alternano ad un fiore, ugualmente disposto trasversalmente ma rivolto verso il basso; il resto della rete a maglie esagonali è decorata da file parallele e sfalsate di sottili rami con due foglie 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
campionario 
carta 
filo di lino/ merletto a fuselli o tombolo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here