balza - manifattura di Bruxelles (ultimo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900745965 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza - manifattura di Bruxelles (ultimo quarto sec. XVIII) 
balza - manifattura di Bruxelles (ultimo quarto sec. XVIII) 
balza 
Lavoro a fuselli in filato di lino su fondo drochel (maglia esagonale con quattro lati derivati dalla torsione di due fili e due lati dall'intreccio di quattro fili) sono applicati motivi a punto tela fortemente profilati dai fili di lavorazione. Nelle cornici maglie quadrangolari con armellette a point d'esprit; bordo di merletto presenta un sottile motivo decorativo, disposto lungo l'orlo inferiore, di rametti stilizzati che incontrandosi con cornici a forma di mandorla, definiscono un disegno ad andamento nastriforme e ondulato, disposto in orizzontale. Le cornici alternano al loro interno fondi drochel di dimensioni grandi e maglie quadrate a point de esprit Il resto della rete drochel è disseminato da rametto molto stilizzatio con tre piccole foglie una allungata che incorniciano una sottile corolla circolare. Questo è ripetuto regolarmente in file parallele e sfalsate 
1775-1799 
0900745965 
balza 
00745965 
09 
0900745965 
E' un esemplare settecentesco di Application di Bruxelles con la impostazione decorativa caratteristica dello stile Luigi XVI e ancora la presenza di cornici ondulate diffuse durante il regno di Luigi XV, qui ridotte nelle dimensioni e nella varietà di fondi. Questo genere di lavori,dette Application, indica una tipologia venuta di moda durante l'ultimo quarto del XVIII secolo, quando lo stile Luigi XVI aveva imposto decori tanto sottili da rendere difficile la lavorazione contemporanea dei motivi e del fondo. Il cambiamento significativo, attuato nell'ultimo quarto del XVIII secolo e poi tratto dominante di tutto l'Ottocento, consisteva nell' esecuzione separata del fondo a maglie esagonali "vrai drochel" (un perfezionamento del fondo precedentemente usato a Bruxelles e Malines) che veniva lavorato in piccole strisce di cm.5 riunite poi,in fase finale, da un invisibile punto di raccordo; su di esso si applicavano i decori lavorati separatamente a fuselli. L'operazione era delicata poiché il fondo doveva avere un'apparenza uniforme e non mostrare mani differenti e dunque richiedeva un'operaia specializzata (drosheleuse), le strisce venivano riunite da un'altra merlettaia (jointoise), i fiori da applicare erano attaccati da una differente lavorante (pointeuse), i motivi a fuselli erano eseguiti da altre due, una che si occupava delle parti solide (platteuse) e una che faceva le parti decorate e riempite (formeuse), infine i fiori erano imbiancati prima di essere applicati (striqueses). Le Application di Bruxellees rappresentarono nel XIX secolo non solo il segno della ripresa delle manifatture belghe, di Bruxelles, Gand,Alost, ma anche il perdurare della loro qualità straordinaria, messa ora al servizio di una assoluta novità, che avrebbe lasciato un segno importante nella produzione di tutto il secolo 
n.p 
Lavoro a fuselli in filato di lino su fondo drochel (maglia esagonale con quattro lati derivati dalla torsione di due fili e due lati dall'intreccio di quattro fili) sono applicati motivi a punto tela fortemente profilati dai fili di lavorazione. Nelle cornici maglie quadrangolari con armellette a point d'esprit; bordo di merletto presenta un sottile motivo decorativo, disposto lungo l'orlo inferiore, di rametti stilizzati che incontrandosi con cornici a forma di mandorla, definiscono un disegno ad andamento nastriforme e ondulato, disposto in orizzontale. Le cornici alternano al loro interno fondi drochel di dimensioni grandi e maglie quadrate a point de esprit Il resto della rete drochel è disseminato da rametto molto stilizzatio con tre piccole foglie una allungata che incorniciano una sottile corolla circolare. Questo è ripetuto regolarmente in file parallele e sfalsate 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ merletto a fuselli o tombolo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here