barba di cuffia - manifattura di Bruxelles (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900745972 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

barba di cuffia
barba di cuffia - manifattura di Bruxelles (sec. XVIII) 
barba di cuffia - manifattura di Bruxelles (sec. XVIII) 
barba di cuffia 
Lunga barbe in merletto in filato di lino a fuselli con fondo a maglie esagonali detto drochel (quattro fili intrecciati su due lati e due fili intrecciati su quattro lati) decori a punto tela con filati raccolti lungo gli orli a creare un sottile rilievo; ha una forma rettangolare che tende progressivamente a restringersi nel finale di forma rettangolare. Sul bel fondo è disposto, ad andamento verticale, un decoro di una doppia ghirlanda, ripetuta a spazi regolari, in alternanza con il motivo di un ramo fiorito centrale delimitato da cinque sottili rametti stilizzati. Lungo gli orli l'esemplare è decorato da ondulate piccole cornici, diversificate tra loro dai fondi a diamante, a ragnatela, creati da diversi intrecci 
ca 1770-ca 1780 
0900745972 
barba di cuffia 
00745972 
09 
0900745972 
L'esemplare presenta il raffinato fondo noto con il termine "vrai drochel" (un perfezionamento del fondo precedentemente usato a Malines e a Bruxelles) che veniva lavorato in piccole strisce di cm.5 riunite poi,in fase finale, da un invisibile punto di raccordo; su di esso venivano lavorati i sottili motivi Luigi XVI che si fanno progressivamente più piccoli, tanto da imporre una fondamentale trasformazione tecnica:: negli anni tardi del secolo e poi nell'Ottocento non si eseguono più i decori contemporaneamente al fondo, ma si applicano motivi lavorati separatamente a fuselli. Questa nuova tecnica, definita come Application de Bruxelles, era delicata poiché il fondo doveva avere un'apparenza uniforme e non mostrare mani differenti e dunque richiedeva un'operaia specializzata (drosheleuse), le strisce venivano riunite da un'altra merlettaia (jointoise), i fiori da applicare erano attaccati da una differente lavorante (pointeuse), i motivi a fuselli erano eseguiti da altre due, una che si occupava delle parti solide (platteuse) e una che faceva le parti decorate e riempite (formeuse), infine i fiori erano imbiancati prima di essere applicati (striqueses). Le Application di Bruxellees rappresentarono non solo il segno della ripresa delle manifatture belghe, di Bruxelles, Gand,Alost, ma anche il perdurare della loro qualità straordinaria, messa ora al servizio di una assoluta novità, che avrebbe lasciato un segno importante nella produzione di tutto il secolo. La lunga striscia veniva usata come decorazione delle contemporanee alte parrucche, intorno alle quali girava per ricadere poi sulle spalle o sul davanti, mettendo in evidenza i due finali di proporzioni diverse 
n.p 
Lunga barbe in merletto in filato di lino a fuselli con fondo a maglie esagonali detto drochel (quattro fili intrecciati su due lati e due fili intrecciati su quattro lati) decori a punto tela con filati raccolti lungo gli orli a creare un sottile rilievo; ha una forma rettangolare che tende progressivamente a restringersi nel finale di forma rettangolare. Sul bel fondo è disposto, ad andamento verticale, un decoro di una doppia ghirlanda, ripetuta a spazi regolari, in alternanza con il motivo di un ramo fiorito centrale delimitato da cinque sottili rametti stilizzati. Lungo gli orli l'esemplare è decorato da ondulate piccole cornici, diversificate tra loro dai fondi a diamante, a ragnatela, creati da diversi intrecci 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
barba di cuffia 
filo di lino/ merletto a fuselli o tombolo 
bibliografia specifica: Eleganza civetterie - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here