bordo - manifattura italiana (primo quarto sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900746002 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

bordo - manifattura italiana (primo quarto sec. XX) 
bordo - manifattura italiana (primo quarto sec. XX) 
bordo 
Filato di lino bianco lavorato a fuselli a filo continuo, rete a Point de Paris. Il bordo presenta per tutta la sua lunghezza lo stesso motivo decorativo ripetuto regolarmente. Il disegno consiste nella regolare alternanza di forme a ventaglio formate da armellette poggiate su un fondo a trecciole, disposte a formare maglie quadrangolari. Il motivo si alterna ad area a rete a Point de Paris. Il bordo esterno risulta sagomato dal percorso del disegno stesso 
1900-1924 
0900746002 
bordo 
00746002 
09 
0900746002 
Questo esemplare documenta l'ampia produzione di bordi per biancheria di casa o di chiesa che ha caratterizzato tante lavorazioni italiane a fuselli Si lavorano bordi simili nel Nord Itala, in Liguria, in Lombardia, a Fagagna, a Gorizia, ma anche in Abruzzo. Il lavoro è dovunque concentrato in case produttrici di varie dimensioni sempre più organizzate per la distribuzione la raccolta e la diffusione dei manufatti; queste si affidano alla manodopera femminile,attiva negli istituti di beneficenza, nelle case di detenzione, nei conventi, nelle scuole, a domicilio. La produzione è comunque sottoposta alla ricerca costante di rapidità, per quel clima di grande competizione economica che interessa tutto il settore. Questa lavorazione a mano, convive con le novità meccaniche: l'invenzione nel tardo Settecento delle prime macchine per merletti,il loro inevitabile e costante perfezionamento per riprodurre a prezzi sempre più accessibili e in tempi sempre più rapidi tutte le possibili tipologie, apre una competizione anche tra i macchinari stessi. I lavori a mano economici, concorrenziali con quelli meccanici subiscono delle semplificazioni tecniche e disegnative: in questo caso l'esemplare è eseguito con un numero ridotto di fuselli e presenta un disegno semplice ispirato agli antichi merletti cinquecenteschi in filato d'oro e d'argento. Contemporaneamente rappresentano una risposta alternativa alla vitale richiesta di lusso: infatti insieme ad una produzione più corrente come questa si inventano nuove tipologie rivolte ad una clientela esigente: in Belgio la Duchesse e il Point de Gaze, le lavorazioni di Honiton producono oggetti di bella qualità anche nei disegni, Le Puy dà il nome ai suoi consistenti lavori. L' utilizzo è vasto: i merletti per tutto il secolo si offrono ad una utilizzazione ampissima, come parti integranti degli abiti femminile che cambiano velocemente e si differenziano per le più varie occasioni, degli accessori adatti a rifinirli,della biancheria intima e domestica, dell'arredamento 
n.p 
Filato di lino bianco lavorato a fuselli a filo continuo, rete a Point de Paris. Il bordo presenta per tutta la sua lunghezza lo stesso motivo decorativo ripetuto regolarmente. Il disegno consiste nella regolare alternanza di forme a ventaglio formate da armellette poggiate su un fondo a trecciole, disposte a formare maglie quadrangolari. Il motivo si alterna ad area a rete a Point de Paris. Il bordo esterno risulta sagomato dal percorso del disegno stesso 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
bordo 
filo di lino/ merletto a fuselli o tombolo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here