colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900747162 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX) 
colletto - manifattura italiana (inizio sec. XX) 
colletto 
Il colletto, in filato di cotone lavorato auncinetto e chiacchierino, ha forma ampia e rotonda ed è completamente lavorato con maglie lenti e aperte che creano un morivo a corolla, con un centro più consistente e maglie oblunghe a forma di petali traforati. L'orlo intorno al collo ha maglie alte di aspetto più consistente ed è quello da cui è iniziato il lavoro, l'orlo esterno è sagomato da semicerchi e pippiolini 
1900-1910 
0900747162 
colletto 
00747162 
09 
0900747162 
E' un antico lavoro di origine orientale conosciuto con il nome di Makuk, derivato dal nome della spoletta con cui viene eseguito. Per la sua facile esecuzione si diffuse a partire dal XVIII secolo in tutta 'Europa conosciuto con il termine francese di 'Frivolité', diventando un passatempo femminile così di moda da essere frequentemente documentato nella ritrattistica contemporanea. La facilità di esecuzione ha facilitato la sua lavorazione in ambito domestico e numerose sono le testimonianze di abiti infantili, grembiuli, colli, polsini, eseguiti in colore naturale e con un filato medio e sottile. Quando il filato è più grosso è adatto è adatto alle rifiniture di biancheria o alle tappezzerie di casa, con un effetto più affine alla passamaneria che al merletto. La tecnica, che prevede l'uso combinato anche con l'uncinetto, era spiegata dettagliatamente nei manuali di lavoro e nelle riviste specializzate ( cfr. Th. De Dillmont, Enciclopedia dei lavori femminili, Melhouse, s.d., pp.417-442).Il colletto di forma rotonda, venuto di moda intorno al 1850, rimarrà un accessorio della veste femminile e infantile, sempre adatto agli abiti abbottonati davanti o dietro e privi di scollatura 
n.p 
Il colletto, in filato di cotone lavorato auncinetto e chiacchierino, ha forma ampia e rotonda ed è completamente lavorato con maglie lenti e aperte che creano un morivo a corolla, con un centro più consistente e maglie oblunghe a forma di petali traforati. L'orlo intorno al collo ha maglie alte di aspetto più consistente ed è quello da cui è iniziato il lavoro, l'orlo esterno è sagomato da semicerchi e pippiolini 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
colletto 
filo di cotone/ merletto a uncinetto/ merletto a navetta 
bibliografia di confronto: Dillmont T. de - 1956 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here