balza, serie - manifattura Italia settentrionale (ultimo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0900747980 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

balza, serie
balza, serie - manifattura Italia settentrionale (ultimo quarto sec. XIX) 
balza, serie - manifattura Italia settentrionale (ultimo quarto sec. XIX) 
balza (serie) 
Lavoro con fettuccia a metraggio e barrette di congiugimento ad ago a punto occhiello; i due bordi presentano un disegno speculare, orientato in orizzontale. Si tratta di una decorazione a tralci floreali chiaroscurati grazie a diversi riempitivi ad ago. Questi hanno un andamento a nastro sinuoso, creato dal tralcio principale dal quale nascono elementi vegetali, rivolti verso l'alto e verso il basso. I decori movimentati sono tenuti insieme da barrette irregolari. I bordi esterni, che delimitano i motivi, sono fatti con fettuccia, una parte della quale è festonata da una smerlatura a punto occhiello con piccoli festoni 
1875-1899 
0900747980 
balza 
00747980 
09 
0900747980 
Negli ultimi decenni dell'Ottocento questa tecnica era definita come Punto Rinascimento, intendendo con questo termine tutti i lavori eseguiti con una spinetta preconfezionata a fuselli o meccanica e disposta poi a creare i motivi. Questi ultimi poi, in fase finale, erano uniti da barrette di congiungimento ad ago, disposte in modo irregolare a formare il fondo traforato. Merletti di questo genere erano già realizzati nei secoli XVII e XVIII in vari centri dell'Italia settentrionale, molto richiesti nell'abbigliamento e nell'arredo sacro, infatti visti da lontano fanno lo stesso effetto dei loro modelli aulici. Esemplari simili sono datati al terzo quarto del XVII secolo e attribuiti all'area di Milano o di Venezia (A. Mottola Molfino) 
n.p 
Lavoro con fettuccia a metraggio e barrette di congiugimento ad ago a punto occhiello; i due bordi presentano un disegno speculare, orientato in orizzontale. Si tratta di una decorazione a tralci floreali chiaroscurati grazie a diversi riempitivi ad ago. Questi hanno un andamento a nastro sinuoso, creato dal tralcio principale dal quale nascono elementi vegetali, rivolti verso l'alto e verso il basso. I decori movimentati sono tenuti insieme da barrette irregolari. I bordi esterni, che delimitano i motivi, sono fatti con fettuccia, una parte della quale è festonata da una smerlatura a punto occhiello con piccoli festoni 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
balza 
filo di lino/ merletto ad ago 
bibliografia di confronto: Poldi Pezzoli - 1984 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here